Serra San Quirico, una petizione per ripristinare l'ambulatorio pediatrico | Password Magazine

Serra San Quirico, una petizione per ripristinare l’ambulatorio pediatrico

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Debora Pellacchia

SERRA SAN QUIRICO – «Ripristinare il servizio di ambulatorio pediatrico a Serra San Quirico». La richiesta arriva dalle famiglie che, unitamente, hanno deciso di promuovere una petizione per impegnare il Comune, la Conferenza dei Sindaci, la Regione e vertici della sanità regionale ad adoperarsi per riportare al più presto una figura professionale essenziale e irrinunciabile.

Tra i firmatari c’è anche Debora Pellacchia, mamma e rappresentante dei genitori nel consiglio d’istituto scolastico a Serra San Quirico, oltreché consigliere comunale impegnata nell’opposizione con il gruppo Officina Civica: «Dal primo gennaio, l’attuale medico pediatra lascerà l’ambulatorio e si verrà a creare un posto vacante, per il quale l’Asur non ha ancora trovato un sostituto – spiega -. Questo comporterà che i 310 pazienti in età pediatrica, d’età compresa tra gli 0 e i 14 anni, non avranno più la possibilità di essere visitati presso l’ex distretto sanitario del Comune, con forti disagi, soprattutto per coloro che sono costretti a seguire piani terapeutici e che richiedono assistenza continua».

Senza contare «gli onerosi spostamenti e le ore di lavoro perse, a carico dei genitori che dovranno ricorrere a un pediatra fuori dal proprio comune di residenza. Infatti, l’Ufficio Anagrafe Assistiti dell’Area Vasta 2 di Fabriano propone alle famiglie del nostro Comune di scegliere unicamente pediatri che esercitano a Fabriano, senza minimamente tenere conto dell’impraticabilità di questa soluzione che costringerebbe i genitori a percorrere 26,2 km (33 minuti di percorrenza) ogniqualvolta abbiano bisogno di un certificato medico o di una visita urgente».

La Pellacchia, in rappresentanza delle famiglie firmatarie, precisa che «l’assistenza di prossimità non può e non deve venir meno in un periodo di emergenza come questo. In assenza di un professionista a Serra San Quirico, chiediamo almeno di poterci recare a Cupramontana, che dista 13 chilometri, dove c’è un medico disponibile a prendere in cura anche i nostri figli». Le famiglie lamentano anche la mancanza di comunicazioni ufficiali e tempestive da parte dell’Area Vasta e dell’Asur: «Chi ha incontrato in questi giorni la dottoressa lo è venuto a sapere e ha diffuso la notizia – aggiunge  – Anche questo sottolinea il poco rispetto e la distanza tra l’istituzione e i cittadini».

Intanto sono già un’ottantina le firme raccolta in modalità telematica mentre sono ancora da conteggiare le adesioni arrivate attraverso negozi, farmacie o al banchetto fuori dall’edificio scolastico

. «Ci sembra assurdo – conclude Pellacchia – che non si riescano a trovare soluzioni alternative, poiché è in gioco la salute e la qualità della vita di una categoria di assistiti, i bambini, che per prima si ha il dovere di tutelare». L’Amministrazione comunale fa sapere, a sua volta, di aver comunicato ai vertici d’Area Vasta la necessità di trovare una pronta soluzione: «Nessuno dei medici pediatri del nostro Distretto ha dato la sua disponibilità per fare ambulatorio a Serra San Quirico» affermano dal Comune. Giovedì pomeriggio il sindaco Tommaso Borri ha anche incontrato il direttore dell’Area Vasta 2 dott. Giovanni Guidi, «il quale ha sottolineato – informa l’Amministrazione comunale – che i pediatri sono liberi professionisti e non possono essere obbligati a fare ambulatorio a Serra San Quirico. Il direttore ha inoltre evidenziato che esiste una carenza di pediatri a livello regionale. Ha comunque promesso di convocare il Comitato di Pediatria per cercare una soluzione, pur ritenendola difficile. L’Amministrazione comunale non smetterà di fare tutto il possibile per risolvere questo problema e ringrazia in particolare le mamme ed i papà che si stanno adoperando per sollecitare la continuazione di questo importante servizio per la nostra Comunità».

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.