Servizi sociali, parla Costarelli: "Piena fiducia nel ripristino del Fondo" | | Password Magazine
Banner4Baffi

Servizi sociali, parla Costarelli: "Piena fiducia nel ripristino del Fondo"


CASTELBELLINO – Piena fiducia in Ceriscioli e nel ripristino del Fondo sociale. Massimo Costarelli, vice sindaco del Comune di Castelbellino, non ha dubbi su quanto dichiarato e riconfermato dal Governatore durante l’incontro con i Sindaci dell’Ambito Territoriale 9, in Regione, incontro a cui ha partecipato insieme all’assessore Gioia Santarelli: “Il Presidente ha parlato chiaramente di completo reintegro del Fondo sociale, il che significa che la somma stanziata per il 2014 sarà la stessa per il 2015. Il problema è solo tecnico perché occorre attendere l’assestamento di bilancio, che sarà chiuso dopo la parifica da parte della Corte dei Conti prima di avere una sentenza definitiva: ma l’avremo a novembre, così come annunciato da tre mesi dalla Giunta regionale, insediatasi il 22 giugno. Oggi sono meno preoccupato di qualche mese fa quando il precedente Governatore dopo aver azzerato i capitoli di spesa non ci prendeva in minima considerazione. Dopo le parole, attendiamo i fatti dalla Regione Marche”.

E contro chi manifesta ancora incertezze e preoccupazioni, parlando di risorse “indefinite” per il Sociale, ribadisce: “Ceriscioli martedì è stato rassicurante e noi Amministratori siamo usciti dall’incontro un po’ piú sollevati: i fondi per il 2015 ci saranno. L’ha confermato davanti a tutti. Spetta ora ai Comuni garantire gli impegni presi con famiglie e operatori, Castelbellino certamente lo farà”. Non sfugge una piccola nota polemica: “Peccato che la manifestazione, indetta dal Comune di Jesi, insieme con l’Ambito Territoriale 9 e l’Asp, cui hanno preso parte gli Amministratori ma anche disabili, familiari e lavoratori del settore, si sia trasformata, con una netta e ben orchestrata sovrapposizione, da un sit in di carattere istituzionale ed amministrativo per una giusta causa in una azione a carattere politico e partitico: ma le fasce tricolori non sono a disposizione di liste civiche e partitiche e non hanno bandiere. In rispetto dei Sindaci, è bene che ciò non avvenga più”.

Al sit-in , erano presenti i Sindaci, gli assessori e i consiglieri dei Comuni dell’Ambito territoriale 9 ma anche i disabili, i familiari, gli operatori del sociale e i lavoratori dipendenti preoccupati per il futuro dei Servizi sociali.

Se infatti nel 2014 la spesa regionale per il welfare era di 34 milioni di euro, ridotta a poco più di 1 milione dal precedente Esecutivo, il neo governatore – in fase di campagna elettorale – aveva garantito e sottoscritto il proprio impegno a ripristinare in toto la somma. Sulla base di quella promessa, per evitare il taglio dei servizi, destinati alla parte più fragile della popolazione (minori, anziani, disabili), i Comuni dell’Ambito Territoriale Sociale 9 di Jesi si sono accollati la spesa dei servizi erogati fino ad oggi, ma gravemente compromessi da qui alla fine dell’anno se la Regione non manterrà gli impegni presi relativi al loro ripristino totale.

“Nei confronti di Ceriscioli i Comuni hanno dato credito di fiducia, mantenendo i servizi sulla base delle promesse fatte – dichiara Marco Bini, presidente dell’Assemblea dei Soci ASP Ambito 9 – Siamo a pochi mesi dalla fine dell’anno e non conosciamo ancora l’entità della somma destinata al Sociale per il 2015. Per questo motivo, martedì ci siamo voluti rivolgere direttamente al Presidente. Capiamo le difficoltà del momento ma non è il momento di far pagare la crisi alla parte più debole dei cittadini”. E aggiunge: “Nonostante le rassicurazioni di Ceriscioli sul reintegro del Fondo, ciò che continua a preoccuparci è il futuro del welfare: che accadrà nel 2016 e nei prossimi anni? Gli stanziamenti resteranno gli stessi? Finché non sappiamo cosa intende fare la Regione, se sceglierà o no un percorso economico differente dal solito, non possiamo fare programmazioni: auspichiamo quanto prima nella chiarezza, numeri alla mano, così da poter stabilire con certezza il futuro dei servizi sul territorio”.

 

A cura di: Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.