Sgarbi non ha dubbi: "Il monumento a Pergolesi non va spostato" | | Password Magazine
Lulù  

Sgarbi non ha dubbi: "Il monumento a Pergolesi non va spostato"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

JESI – E’ contrario il critico d’arte Vittorio Sgarbi allo spostamento del monumento a Pergolesi. Lo avrebbe dichiarato lui stesso a Il Resto del Carlino, dopo aver visionato il rendering del progetto di restyling della piazza dedicata al compositore jesino: “Quella di spostare i monumenti è una mania non inconsueta che non ha ragion d’essere – si legge nell’articolo del quotidiano – Chi lo fa dimostra di non avere alcuna sensibilità capacità. Il monumento a Pergolesi è li da quasi un secolo? C’è una legge di tutela da rispettare».

Dunque, Sgarbi non avrebbe dubbi: Pergolesi non va spostato. Così come la statua di Federico II che, dopo vent’anni di dibattito, sta per essere trasferita da fuori le mura di Porta Bersaglieri all’interno del cortile del Palazzo Ghislieri, destinato a sede del Museo multimediale dedicato allo Stupor Mundi. Secondo quanto riportato dal quotidiano, Sgarbi avrebbe dichiarato che la città, già definita capitale marchigiana della cultura, per essere più bella avrebbe bisogno di altro tipo di migliorie e non certo dello spostamento di monumenti.

Intanto, mentre si lavora al progetto di “abbassamento” della statua di Federico II per renderla più adatta alla sua futura casa, il cantiere per lo spostamento del Pergolesi sta per partire e, a breve, si conoscerà la ditta aggiudicatrice dell’appalto. Intanto, il Comitato “Nessuno Tocchi Pergolesi” attende per lunedì una risposta dal sindaco sull’istanza di referendum proposta intorno la questione dello spostamento: “Listanza è stata inoltrata esattamente il 16 dicembre scorso. E la normativa vigente  dà un mese di tempo al sindaco per la risposta – spiega in una nota stampa Vittorio Massaccesi, primo firmatario del Comitato I motivi che spingono il comitato “Nessuno tocchi Pergolesi” a lavorare sodo contro lo spostamento del monumento: perché non è una priorità. Perché  le priorità sono il Corso e piazza della Repubblica. Perché le priorità di piazza Pergolesi sono la liberazione dell’abside di san Nicolò e la diversa sistemazione dell’edicola, perché Jesi nel centro storico ha già due piazze grandi e cinque piccole, perché la piazza è caratteristica, è bella così, un bello stile liberty, salvo maquillage  con poche decine di migliaia di euro anche con nuova piantumazione di alberi”. E aggiunge: “Il monumento Pergolesi non merita di essere posto lontano da quanti  passeggiano per il Corso: la rilevante spesa di un milione va impiegata per le vere priorità: scuole, strade, marciapiedi e quanto dello sopra, perché si corre anche il rischio di rovinare un’opera d’arte risalente al 1910, perché una tale decisione non può essere lasciata al parere favorevole di quattro  persone soltanto ( sindaco e tre assessori)”.

Dura anche la presa di posizione dell’Archeoclub, del circolo Ferrini e di Italia Nostra, i primi ad esprimere la  propria contrarietà al progetto.

Tuttavia la Soprintendenza ha approvato l’arretramento del monumento rispetto al Corso Matteotti. La spesa totale esecutiva per la riqualificazione della piazza è di circa un milione di euro, di cui 437.728 euro tramite contributo regionale e 522.271 con fondi dell’Amministrazione provenienti dalla vendita degli alloggi comunali di Largo Saponari all’Erap. La spesa per lo spostamento della statua ammonta invece a 28 mila euro. “Si tratta – ha più volte spiegato il sindaco Bacci – di un progetto della precedente Amministrazione che abbiamo ritenuto meritevole di essere portato avanti  non appena ci è stato comunicato che Jesi era stata ammessa ai  finanziamenti dopo che, ad una prima graduatoria, ne era invece rimasta  esclusa. Da allora, nella massima trasparenza e con l’obiettivo di  permettere ai cittadini di conoscere a fondo il progetto, sono stati  organizzati incontri pubblici ed è stata realizzata anche una mostra a  Palazzo dei Convegni. Nessuno aveva espresso allora contrarietà al progetto di Piazza Pergolesi, limitandosi le osservazioni solo ad alcune  soluzioni prospettate su Corso Matteotti. Resto sorpreso che ora, nell’imminenza dei lavori, arrivino all’improvviso posizioni così nette. Né può passare l’idea che per spostare il monumento si debbano affrontare spese rilevanti, visto che occorrono 28 mila euro, somma  pienamente compatibile con la proposta progettuale”.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.