Shabby sbranato e ucciso da uno Schnauzer gigante. Il padrone: «Mai più una cosa del genere» | | Password Magazine

Shabby sbranato e ucciso da uno Schnauzer gigante. Il padrone: «Mai più una cosa del genere»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

CHIARAVALLE – «Vorremmo che quello che abbiamo subito noi non capiti a nessuno». Con queste parole di disperazione,  Luca Centurelli di Chiaravalle si rivolge a Password per raccontare la tragica storia di Shabby, il suo cagnolino meticcio incrociato Pinscher, azzannato e ucciso pochi giorni fa da un cane di grossa taglia. «Shabby, di nemmeno 7 chili, faceva parte della nostra famiglia da 5 anni. Mercoledì 12 febbraio durante la nostra consueta passeggiata del pranzo in via Sant’Andrea, all’altezza dell’asilo, Shabby è stato aggredito da uno Schnauzer gigante che vagava libero lungo la pista ciclabile.  Ripeto, davanti un asilo. Shabby era al guinzaglio, è stato protetto e preso in braccio da mia moglie, ma l’ altro cane l’ ha azzannato e sbranato. Ne è nata una lotta disperata. Tralascio i particolari. Fatto sta che la mattina di lunedì 17 febbraio Shabby ha finito di soffrire e ci ha lasciati. Per sempre». Un dolore atroce per Luca e tutta la sua famiglia, sotto choc per la perdita del caro amico a quattro zampe: «Stava con noi giorno e notte. Sempre assieme a lavoro, durante il tempo libero, nelle vacanze».  La sofferenza si mescola poi a parole d’indignazione: «La nostra storia ormai è un capitolo chiuso, nulla ce lo ridarà indietro – spiega Luca -. Ci sono però dei punti grigi: il forte ritardo dei vigili urbani che, stando alle testimonianza delle persone che ci hanno aiutato, erano già stati avvertiti dall’asilo».

«Il cane, scappato da un’abitazione a qualche chilometro di distanza, era entrato addirittura nel giardino della scuola d’infanzia. Vorrei dunque che la storia di Shabby serva, innanzitutto. da monito alle istituzioni». Per Luca, infatti, un cane di grossa taglia per quanto ritenuto buono è comunque imprevedibile: «Non ha attaccato tutti i cani nei paraggi ma è corso verso il nostro, nonostante noi fossimo lontani decine di metri da lui. Probabilmente un odore o un movimento ha fatto scattare qualcosa. Cosa sarebbe successo se ci fosse stato un bambino in mezzo? O ancora peggio se il bersaglio fosse stato proprio un bambino? Una situazione del genere deve essere presa come una urgenza dalle autorità. Parliamo di decine e decine di minuti per l’intervento di qualcuno». La famiglia di Shabby vuole anche lanciare un messaggio ai possessori di cani di piccola taglia, affinché prestino attenzione massima anche alle situazioni ritenute maggiormente al sicuro: «Che sia anche un campanello d’ allarme a chiunque poi assista a una situazione ambigua del genere. L’ indifferenza è uno dei mali del nostro tempo. Se fossero arrivate più telefonate dalle persone presenti probabilmente l’ intervento sarebbe stato più veloce. Solo una ragazza ci è venuta in soccorso, ed è stata fondamentale, le altre hanno osservato da lontano». Anche ai possessori dei cani di grande taglia Centurelli chiede di prestare attenzione perché «sono animali bellissimi e buonissimi ma possono diventare imprevedibili e letali, su persone e animali».

Un appello anche alle istituzioni: «Penso che sia a livello nazionale che locale si possa fare di più. Non credo che una Amministrazione comunale possa essere interessata solo a multare chi non getta acqua potabile sopra la pipì del cane per le vie del centro. Penso occorrano controlli e anche sensibilizzazione verso tutti, procedure precise e metodi di intervento chiari e puntuali. La nostra tragedia si è consumata. Dobbiamo farcene una ragione, dobbiamo stringere i denti e cercare di ripartire. Ma una cosa del genere non deve ripetersi. Anche per il solo fatto che un cane del genere può camminare in strada, far sbandare un’ auto o una bici con conseguenze ancora peggiori. Non occorre un attacco diretto. Al momento sono terrorizzato al solo fatto di liberare dal canile un altro cane in futuro. Sono terrorizzato di portarlo incontro alla morte, come ho fatto mercoledì».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.