Si arrampica sulla grondaia per aggredire la ex, la Polizia lo ferma e arresta | | Password Magazine

Si arrampica sulla grondaia per aggredire la ex, la Polizia lo ferma e arresta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
mde

ANCONA – Alle 23 di ieri, gli agenti delle Volanti della Questura di Ancona sono intervenuti in un condominio del quartiere Grazie ove una giovane donna aveva richiesto l’intervento della Polizia in quanto il suo ex si stava arrampicando sulla grondaia del palazzo con la chiara intenzione di entrare in casa di lei.

In poco tempo i poliziotti raggiungevano il luogo segnalato, accedevano nell’edificio e poi nell’abitazione mentre l’uomo era riuscito ad arrampicarsi fino al balcone posto a circa 6 metri da terra.

Entrati in casa, gli agenti facevano appena in tempo a bloccare l’uomo che, nel frattempo, aveva sfondato la porta finestra della cucina con una spallata tentando di aggredire la ex.

Il tempestivo intervento della Polizia riusciva a salvaguardare la vita della 23enne anconetana terrorizzata dai comportamenti persecutori dell’ex la cui azione violenta non si fermava neanche contro i poliziotti che erano costretti a ricorrere alle tecniche di contenimento atteso che l’uomo reagiva tentando di colpire anche loro con calci e pugni.

La giovane denunciava in Questura che nel mese di giugno aveva interrotto la relazione sentimentale con il suo ex durata pochi mesi ma, quest’ultimo, non si era mai rassegnato a tale decisione.

Così da circa un mese la tempestava di messaggi telefonici, di appostamenti, di pedinamenti, presentandosi nel luogo di lavoro o seguendola con lo stesso treno che lei prendeva per tornare a casa ingerendo in lei un perdurante e grave stato d’ansia che si vedeva costretta a cambiare le sue abitudini di vita come, ad esempio, il numero telefonico, gli orari di rientro a casa e quelli di lavoro.

Nel tardo pomeriggio di ieri, dopo aver terminato il turno lavorativo, la 23 enne aveva preso il treno da Civitanova per tornare a casa quando si era accorta della presenza dell’ex.

Giunta ad Ancona era riuscita a seminarlo prendendo subito un taxi che la riaccompagnava a casa.

Non potendo più comunicare al telefono con la ex, l’uomo tentava di farsi aprire prima suonando al campanello del portone condominiale e poi arrampicandosi per le tubature della grondaia.

H. A., marocchino di 26 anni, in regola con le norme sul soggiorno, veniva arrestato ai sensi degli artt. 612 bis, 337, 614 c.p. atti persecutori, violazione di domicilio e resistenza a P.U. .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.