Si è chiusa con successo "La città risuona" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Si è chiusa con successo "La città risuona"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un grande successo di pubblico, con spettatori provenienti dall’intera regione, ha fatto da cornice alla grande kermesse musicale “La Città Risuona” che per dieci giorni ha animato teatri e chiese, piazze e palazzi storici ed anche l’oasi di Ripa Bianca.

“L’iniziativa, proposta dall’Amministrazione Comunale – sottolinea l’assessore alla cultura Luca Butini – è stata possibile grazie alla collaborazione, a titolo volontario, di tanti enti e realtà associative della città che è giusto citare: la Fondazione Pergolesi Spontini, la Fondazione Lanari, i cori jesini Regina della Pace, Brunella Maggiori, Santa Lucia, San Francesco e Cardinal Petrucci, l’Arcevia Jazz Feast con Samuele Garofoli, gli Istituti Comprensivi ad indirizzo musicale Federico II e Carlo Urbani, la Banda Musicale G.B. Pergolesi di Jesi, le scuole musicali G.B. Pergolesi ed Aulos di Jesi, la Scuola Musicale Opus 1 di Castelbellino, il Conservatorio G. Rossini di Pesaro, le associazioni AVIS Jesi e SpaziOstello, le due istituzioni estere ospiti per alcuni giorni a Jesi, la Stanford University di Stanford, CA, USA, con il suo Wind Ensemble diretto da Giancarlo Aquilanti ed il St. Benedict’s Catholic College di Colchester, Essex, UK, con orchestra e coro diretti da Nello Santinelli. Significativa l’adesione al progetto dei locali del centro cittadino, fra cui merita una citazione l’Hemingway Café di Davide Zannotti che ha ospitato i musicisti della Stanford University per una jam session post concerto che ricorderanno a lungo.

Oltre che all’Ufficio Cultura del Comune di Jesi ed allo staff di JES!, un ringraziamento per il supporto tecnico va a Paolo Appignanesi, responsabile della produzione della Fondazione Pergolesi Spontini.

Merito per il coordinamento e per la regia artistica della manifestazione vanno riconosciuti a Gianni Gualdoni, direttore artistico della Fondazione Alessandro Lanari, che ha saputo cogliere immediatamente lo spirito che questo Assessorato alla Cultura intendeva dare all’iniziativa ed ha una volta di più dimostrato le proprie capacità organizzative, facendone una rassegna che ricorderemo e replicheremo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.