Si fa charity sharing anche a Jesi, domenica dona ciò che non usi più | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Si fa charity sharing anche a Jesi, domenica dona ciò che non usi più

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’arte del recupero passa anche attraverso il dono. Domenica parte a Jesi Sharing for future, l’iniziativa di charity sharing basata sulla scambio di doni tra cittadini. Una pratica già molto in voga in Europa e che consiste nel radunare tutti gli oggetti che non si usano più ma ancora in buono stato.all’interno di scatoloni e, invece di destinarli alla spazzatura, portarli nei punti di raccolta.

Grazie all’idea di una cittadina, Caterina Solustri, di importare questa formula di scambio dall’Europa a Jesi, il gruppo di volontari Friday For Future si è attivato per farne un evento. D’intesa con il Comune, ogni seconda e ultima domenica del mese, a partire dalla prossima (31 marzo),  i cittadini potranno portare i loro oggetti nei due punti di raccolta individuati in città: al.Campo Boario  (la seconda domenica del mese) o sotto il porticato all’angolo tra via San Francesco e viale Verdi (la quarta). Qui, a partire dalle ore 10, chi ha bisogno potrà prendere ciò che vuole e dargli una nuova vita. : «L’idea mi è venuta osservando pratiche già consolidate all’estero – racconta Caterina Solustri che, qualche tempo fa, aveva sperimentato la pratica di propria iniziativa – . Il concetto non è soltanto quello di donare qualcosa a chi ne ha bisogno, per aiutarlo, ma anche quello di stimolare il riuso e la lotta allo spreco, permettendo a ciò che lasciamo di continuare la propria esistenza legandosi alla storia di qualcun’altro».
Sono già una cinquantina i cittadini che, domenica prossima raggiungeranno il porticato di via San Francesco per lasciare un cesto di oggetti: è possibile donare anche mobili o oggetti più ingombranti, portando magari una foto con dettagli se non trasportabili e organizzare così privatamente lo sharing  «Lo scatolone si può lasciare senza fermarsi nel luogo sotto la custodia dei volontari- continua la Solustri – con la condizione di venirlo a recuperare entro le 12 alla fine dell’ evento». Sono esclusi dall’iniziativa animali e cibi: «Il sogno è che questa pratica prenda campo non solo in città ma e anche nelle altre località della Vallesina».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.