Si laurea da casa via streaming, confetti rossi per Giorgia | | Password Magazine

Si laurea da casa via streaming, confetti rossi per Giorgia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si laurea in via telematica da casa, indossando un completo e…ai piedi simpatiche pantofole rosa a forma di unicorno. Giorgia Pastore, jesina, ha deciso di affrontare così, con un pizzico di ironia, l’esame finale del suo percorso universitario in Psicologia, intrapreso per dare un upgrade alla sua formazione in Naturopatia. La discussione della tesi è avvenuta venerdì mattina, in piena emergenza coronavirus. E come se non bastasse, Giorgia era anche in isolamento precauzionale per il suo lavoro in un ambulatorio medico. Per fortuna, lei sta bene e da oggi non è più in quarantena, anche se come tutti dovrà continuare a restare a casa. Nel caso di Giorgia, l’impiego della tecnologia è stato fondamentale sin dall’inizio: «Ho scelto l’Università Telematica Internazionale UniNettuno di Roma per poter far coincidere lo studio con il mio lavoro. In tutto questo l’importanza della tecnologia è enorme perché l’università mette a disposizione un cyberspazio didattico. Da qui seguivo le lezioni direttamente dal computer nei pomeriggi che non lavoravo o nelle ore serali». Giorgia andava in facoltà solo per sostenere gli esami: «Il 13 marzo sarei dovuta andare a Roma per discutere la mia tesi in Psicologia Cognitiva, sul tema Approccio PNEI allo stress e alla malattia cronica. Focus sulla fibromialgia ma le direttive del Governo hanno stabilito la chiusura di scuole ed atenei».

Giorgia ha discusso la tesi direttamente dal computer di casa attraverso l’applicazione Skype for business: «Anche i miei parenti, con le dovute precauzioni del momento, hanno potuto assistere e abbiamo organizzato un piccolo rinfresco in giardino – prosegue la neolaureata -. Discutere la tesi in questo modo è stato un po’ particolare ma vi assicuro che l’emozione è stata tanta. Mi auguro che questo brutto evento che ha colpito l’Italia porti con sé una nuova rinascita e un risveglio collettivo. Credo che fino ad oggi internet e specialmente i social sono stati utilizzati in modo molto superficiale e con dei contenuti di dubbia qualità. Questa esperienza sicuramente farà cadere i pregiudizi sullo smart working e sulla didattica a distanza per scuole ed atenei. Sono orgogliosa di poter raccontare la mia esperienza e del mio 100/110 frutto del mio impegno costante di 3 anni. Grazie alla tecnologia è possibile lavorare, studiare e da oggi anche laurearsi!».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.