"Sii te stesso e parla Globish". Giuseppe Romagnoli racconta i 20 anni di IH TVC

JESI – Esistono diverse tipologie di imprenditori: gli intuitivi, i persuasivi, gli specializzati. Pensando però a Giuseppe Romagnoli, fondatore dell’International House The Victoria Company (IH TVC), il primo aggettivo che balza alla mente è sicuramente visionario. Capace di seguire e di anticipare le tendenze e di concentrarsi sui settori chiave del futuro. Nel ventesimo anno di attività della scuola di lingue, nel cuore di Piazza San Savino, Giuseppe Romagnoli – detto anche Joe –  guarda indietro negli anni e ripercorre la strada che lo ha portato ad essere l’imprenditore di oggi. “Erano gli anni Novanta, il periodo in cui l’ombra del nuovo millennio faceva ancora paura. A pensarci bene, non c’era neanche l’euro –  racconta Joe – Mentre lavoravo come barman alla Pasticceria Bardi, dove sono stato per quattordici anni. Nel cuore, nutrivo però la grande speranza di realizzare il mio sogno: fondare una scuola di lingue che fosse anche un luogo di aggregazione e di condivisione. Dove lo studio della lingua potesse diventare per l’allievo un ponte di lancio verso il futuro, uno strumento per relazionarsi con gli altri”.

In quale scenario inizia a prendere forma The Victoria Company?

“All’epoca, c’erano già delle scuole di lingua in città. La mia però volevo fosse diversa: non pensavo, ad esempio, di appendere la bandiera inglese fuori dalla porta d’ingresso, come facevano gli altri. La mission della mia azienda doveva mettere al centro la victoria della persona, il suo futuro. Per questo iniziai sin da subito a puntare alla qualità dei servizi che proponevo. Guardavo fuori, a quello che già c’era sul mercato: e io volevo fare di più. Diventare più bravo. E come? Acquisendo delle competenze, guardando a quei parametri di riferimento che potevano rendere la mia attività la migliore“.

Ad esempio?

“Intrapresi un percorso che portò l’azienda al raggiungimento di importanti traguardi. Nel 2002, The Victoria Company ottenne la Presa d’Atto Ministeriale e nel 2008 l’accreditamento della Regione Marche, con possibilità di accesso ai finanziamenti e agevolazioni  per la formazione dei lavoratori. Nel 2007, il centro divenne la prima scuola delle Marche certificata AISLi(Associazione Italiana Scuole di Lingue) in grado di rilasciare certificati di studio validi per l’assegnazione dei crediti formativi, erogare, seminari, corsi di formazione e aggiornamento professionale per insegnanti. Nel 2010, arrivò il prestigioso Label Europeo delle Lingue per il progetto “English on the move for key people – Indesit Company”. La scuola si affermò anche come centro autorizzato per gli esami Cambridge English Language Assessment  Trinity College London. In ultimo, dal 2015 The Victoria Company è membro International House World Organisation (IHWO), rete mondiale di scuole a gestione indipendente legata da un impegno verso alti standard di qualità e promotrice dei più innovativi corsi di aggiornamento per docenti”.

In vent’anni, sei riuscito dunque a trasformare The Victoria Company in un punto di riferimento sul territorio per l’apprendimento delle lingue straniere. Come ci sei riuscito?

“Cambiare, mettersi in gioco, puntare alla qualità: sono queste le carte che ho giocato. Nel tempo siamo diventati, passo dopo passo, un centro linguistico completo dove il cliente poteva trovare tutto quello che cercava.  Mano mano, ci siamo specializzati anche nell’inserire corsi rivolti ai bambini, anche ai più piccoli. Oggi siamo una realtà che conta 27 dipendenti e insegnanti di madrelingua…jesini“.

 Quanto conta l’impronta del territorio nella crescita di un’azienda?

“E’ un fattore importantissimo. Be local, think global: spingiti oltre ai confini ma non dimenticare mai le tue radici.Vivi il mondo ma sii fiero delle tue origini. Su questo messaggio, si basano tutte le attività dell’associazione culturale Victoria, organizzatrice e promotrice del San Savino Linking Festival. Un evento che punta all’identità del territorio e crea una ponte tra culture diverse, connesse tramite l’unica lingua universale: il Globish”.

Che cos’è il Globish?

“E’ molto più di una lingua: è un concetto di comunità globale che crede che la comunicazione sia alla base di qualsiasi contesto. Nel parlare una lingua straniera è naturale conservare un proprio accento: avviene anche quando si parla italiano tra membri di regioni diverse. Sii orgoglio del tuo accento, dico io: è lo stemma del tuo territorio d’appartenenza. L’importante è che riusciamo a capirci, tirando fuori la nostra identità. Come? Sii te stesso e parla globish. Non importa se per confrontarti con chi non parla la tua stessa lingua utilizzi un inglese non elisabettiano: usa il globish, con il tuo di accento. E’ più pragmatico e funzionale: ecco perché non ci definiamo una semplice scuola di lingua ma un’ International House”.

Quali sono i prossimi progetti futuri?

“C’è in programma di festeggiare i primi 20 anni di The Victoria Company con un raduno di studenti, anche del passato. Poi il 1° ottobre, c’è il San Savino Linking Festival. Infine, un altro sogno sta per realizzarsi: i ragazzi che hanno preso parte al progetto “Shakespeare in a box” voleranno infatti in Inghilterra per ShakeShare, una nuova opportunità di condivisione e crescita: saranno chiamati a confrontarsi infatti a teatro, nel 400esimo anno dalla morte del poeta, recitando Shakespeare in lingua insieme ad altri due gruppi di giovani, uno proveniente da Londra e un altro russo. Un’altra occasione di essere globish”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*