Nuovi influencer marchigiani: a tu per tu con Silvia Baldoni | Password Magazine

Nuovi influencer marchigiani: a tu per tu con Silvia Baldoni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

USERNAME – Parlare di Influencer è di moda ma sempre complicato. Va spiegato, ancora, cosa fanno e allo stesso tempo ci si sottopone alle solite critiche da parte di chi proprio non ha voglia di accettare questo tipo di lavoro dalla, passatemi il termine, “battuta facile”. Che vi piacciano o meno esistono, sono spesso veri professionisti e muovono budget a volte impressionanti. Alto potenziale relazionale e una consolidata reputazione contraddistingue l’influencer e avvalora la sua autorevolezza e la fiducia da parte del suo seguito. Il ricorso a questa figura per promuovere beni e servizi è diventato una pratica usuale e largamente diffusa fra le imprese.

Visto che Password Magazine parla però principalmente della Vallesina e delle Marche, mi piaceva mettere in risalto e farvi conoscere alcuni influencer del territorio perchè ce ne sono e sono anche bravi. Ed ecco quindi Silvia Baldoni, silviab944 su Instagram, 24 anni di Camerano che, insieme al fidanzato fotografo, in meno di 2 anni ha collezionato quasi 40mila follower sul territorio. L’ho conosciuta e abbiamo ipotizzato alcune collaborazioni. Di lei mi ha subito colpito, oltre alla sua naturalezza, la positività che mette in tutto quello che fa.


Ciao Silvia, come è iniziato questo lavoro? Lo hai programmato o ti sei ritrovata Influencer senza accorgerti?
«Tutto è cominciato ed è stato ispirato da Chiara Ferragni, mi sono iscritta su Instagram per puro gioco ma ho capitato subito il grosso potenziale di questo social attraverso personaggi come lei. Da lì, a seguito di vari tentativi e studi, programmavo giorno dopo giorno le azioni per poter accrescere la mia popolarità »
Qual è la cosa che ti piace di più di questo lavoro?
«Io sono una sognatrice a tutti gli effetti; non sopporterei mai l’idea di svolgere un lavoro statico durante tutta la mia vita. Per cui ciò che amo di più del mio lavoro è la libertà di esprimermi al meglio facendo sempre nuove esperienze»
Nonostante molte statistiche dimostrano come l’influencer marketing sia un modo rapido ed efficace per promuovere un determinato prodotto, diverse persone sono ancora scettiche, alcune addirittura critiche sul settore, soprattutto in una regione di piccoli comuni come le Marche. Ti sei trovata mai davanti a spiacevoli, quanto probabilmente affrettati, giudizi?
«Mi sono trovata davanti a giudizi spiacevoli raramente, le persone hanno sempre dei problemi quando bisogna parlare a tu per tu e in questo lavoro, a differenza di quanto si pensi, accade spesso. Comunque nella mia zona lo scetticismo c’è, ma sta nascendo anche molta curiosità. E’ poi importante stare sempre attenti nel selezionare le aziende che vorrebbero fare quel salto di qualità e abbattere i timori legati al settore, ancora in parte presenti. Cerco sempre di lavorare con persone molto “open mind” »

 

 Veniamo ad un tema che mi sta molto a cuore perché rischia di rovinare un mercato emergente. I “mi piace” e “follower” falsi. Avevo dedicato un precedente  ARTICOLO  alla questione .
Ho personalmente controllato il tuo profilo e posso assicurarne l‘autenticità, silviab944 funziona davvero bene, di conseguenza mi sento libero di domandarti cosa ne pensi della questione e se ti sei mai trovata davanti a colleghe, o potenziali tali, che hanno fatto ricorso in maniera massiccia all’acquisizione di follower falsi.
«Ci sono dei parametri che fanno intuire quando qualcosa non va in un profilo social, spesso legati alla grande differenza tra follower ed interazioni. Non so quanti miei colleghi hanno acquistato “mi piace” falsi, però ammetto, pur senza averne la certezza, di aver notato persone con un numero esagerato di seguaci rispetto alla qualità e interazioni dei contenuti che propongono»
Hai qualche particolare progetto in cantiere di cui vuoi parlarci?
«I miei progetti sono infiniti, ma ad oggi preferirei tenerli per me in attesa di evoluzioni concrete. Però posso dire di volere un mio marchio con delle mie collezioni legate al mondo della moda, una situazione che mi realizzerebbe moltissimo, un modo per lasciare un piccolo segno »
In conclusione, cosa vedi nel futuro di Silvia Baldoni?
«Sono una persona molto positiva e nel futuro spero di aumentare ancora la mia popolarità e, come detto, di realizzare un mio brand. Magari poi di essere di ispirazione per qualcuno che possa vedere nella mia tenacia e positività un modo utile per raggiungere i propri sogni»

E’ una positiva sognatrice Silvia e fa bene, in poco tempo si è creata un suo mondo di seguaci, ha trovato diversi brand che credono in lei e lo ha fatto a soli 24 anni con tenacia ed ottimismo. Sperando di aver fatto un pò di luce su questa professione, consapevole che alcuni commenti critici non mancheranno di certo, vi invito a seguirla (Segui il LINK) per comprendere ancora meglio l’importanza di un influencer locale.

Username, la rubrica di tecnologia e comunicazione, a cura di
Matteo Baleani

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.