Silvia Gregori (Lega Nord Jesi): "Legittima difesa per essere liberi dalla paura" | | Password Magazine

Silvia Gregori (Lega Nord Jesi): “Legittima difesa per essere liberi dalla paura”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si pubblica la nota stampa inviata da Lega Nord Jesi:
“Trascorsa la giornata della Liberazione, mentre a Verona il nostro leader Matteo Salvini celebrava la Legittima Difesa come strumento in grado di rendere Uomini e Donne liberi dal giogo della paura e da uno Stato che non tutela i cittadini quanto in modo assurdo chi commette reati, è lecito porsi una domanda: quanto siamo realmente liberi in un Paese in cui il Governo assedia e riempie le nostre città di clandestini, richiedenti asilo, pseudo profughi fino al punto da spingerci a pensare in preda alla paura che non esista altra soluzione se non quella di armarsi. Quasi che, così, chi governa possa dire: “Se la vedano loro!” facendo ricadere tutta la colpa, se ne esiste una, nel difendersi sulle nostre spalle!

E allora, come candidata a sindaco della Lega Nord, il mio pensiero torna alla nostra realtà, ai cittadini che amo e che vorrei difendere uno a uno, anche dall’ipocrisia di un sindaco uscente che parla alla gente solo di iniziative positive, senza toccare questioni spinose e omettendo così alcune questioni importanti,  come a voler anestetizzare gli animi a distrarre su ciò che ci aspetta da qui a qualche mese.

La nostra Amministrazione comunale si accaparrerà ancora una volta di un altro progetto SPRAR quando uscirà il prossimo bando? Quanti migranti arriveranno ancora a Jesi, dato che l’intento del Viminale è quello di distribuirne quanti più possibile nei nostri comuni. Quanti – come ormai denunciano anche le organizzazioni di volontariato locali –  si affacceranno ancora alle mense per chiedere di tutto, spesso lontani dall’essere censiti in qualche elenco o registro?

Mancano 298.000 persone all’appello dai centri di accoglienza, perse nelle maglie di un sistema di sicurezza e controlli che non funziona. Sappiamo anche che la nostra città non è immune da questo fenomeno che espone i residenti a pericoli di ogni sorta, dato che anche le forze dell’ordine non possono gestire espulsioni in tempi brevi. Questa è la verità: ecco perché occorre iniziare a parlare di misure preventive, come un netto NO all’arrivo di altri immigrati e a un progetto sulla sicurezza serio come Secura Polis, proposto dalla Lega Nord per il nostro territorio, con pattugliamenti costanti giorno e notte e collaborazione interforze: non per fare gli Sceriffi come qualcuno ci ha soffiato ma per essere liberi!”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.