Simone, barista: «Se non ci fanno aprire, restituiamo tutti le licenze» | Password Magazine

Simone, barista: «Se non ci fanno aprire, restituiamo tutti le licenze»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Arrivano le 18, è la serata di #ioapro1501. Simone Bozzi, titolare del bar  «Da Simò – Food, Drink e 3 de’ nigò», in via Coppi, chiude le porte con qualche minuto di anticipo.
«Non aderisco: manifestare in pochi non ha senso – ci dice -. Per far qualcosa di concreto e tangibile, dovremmo unirci tutti: non solo baristi e ristoratori ma anche gestori di piscine, di palestre, imprenditori di tutta Italia». L’idea di Bozzi è quella di una protesta che non viola  le leggi: «Organizziamoci e restituiamo tutti insieme le nostre licenze – è il suo appello – facciamo capire allo Stato cosa sta davvero perdendo. Buona parte del Pil deriva dalle nostre attività: tutti noi ci stiamo indebitando, consapevoli che presto arriverà il momento in cui non si riuscirà più a sostenere le spese». I ristori? «Sono ridicoli – dice il ristoratore jesino – insufficienti anche per pagare le bollette. Le casse integrazione per i dipendenti arrivano in ritardo, puntuali come sempre invece le tasse. Così non si può continuare».

Preoccupa anche il clima di incertezza: «Le decisioni ci vengono comunicate dall’oggi al domani. Per chi lavora in questo settore, è diventato difficile organizzarsi anche per fare la spesa: sarà giallo o arancione domani? Rifornisco la cucina o no? Si vive alla giornata e capita di acquistare cibo che forse resterà invenduto». Insomma, l’indignazione cresce: «Abbiamo fatto di tutto per adeguarci ai protocolli. Sono stati ridotti i posti a sedere, investite risorse per garantire la sicurezza di clienti e operatori. Eppure, continuiamo ad essere colpiti. Sembra quasi una “guerra” contro di noi…». E poi ora c’è anche lo stop asporto dopo le 18 per i bar: «Una misura che avrebbe senso se servisse a contenere il diffondersi del virus. Eppure, dopo mesi di chiusure e limitazioni, fuori i contagi continuano a salire …viene da pensare che forse il problema non è qui nei nostri locali ma da qualche altra parte. Non sta a me dire dove». In ultimo, è da considerare l’aspetto sociale del lavoro dietro al bancone: «Ascoltiamo e sorridiamo i clienti, questo è parte del nostro mestiere. Un impiego che definisco “socialmente utile” perché nei bar e nei ristoranti le persone staccano dai problemi e trascorrono momenti spensierati e di allegria. La pandemia sta togliendo la sete di vita alle persone. E colpendo i servizi dell’accoglienza, ci stanno togliendo anche il sorriso, già da difficile da scorgere dietro la mascherina».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.