Sindaci, tutti contro tutti | | Password Magazine

Sindaci, tutti contro tutti

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

IL CORSIVO di Marco Torcoletti
Bacci versus Pirani e viceversa. Ma anche Lucaboni versus Gregori, Pirani versus Animali e Cinque Stelle versus… E naturalmente, tutti contro tutti. Se cinque anni fa, nella folla dei candidati sindaco, il rivale per eccellenza era Melappioni, nel 2017 manca un’analoga percezione. Infatti, sebbene il primo cittadino goda di un apprezzamento trasversale, palpabile nella cospicua partecipazione ai gruppi di lavoro per la stesura del programma, la mancanza di un partito dal tradizionale radicamento costituisce una incognita. Segno dei tempi, la fine delle certezze basata sugli schieramenti ideologici, circoscritti entro i confini delle aree partitiche, ci riporta alla centralità delle proposte programmatiche da un lato e al giudizio degli elettori su quanto fatto dall’altro, sia come forza di governo che come opposizione. Dentro al Consiglio Comunale e fuori. Ma soprattutto tra la gente. Tra i candidati, lo hanno capito gli esponenti delle realtà non presenti nella massima assemblea cittadina come nel caso di Lucaboni, aspirante sindaco ante litteram. Ma lo sta dimostrando anche Jesi in Comune, con le tante iniziative messe in campo negli ultimi mesi. Comincia a farsi sentire Silvia Gregori, mentre cresce lo spessore della figura di Pirani, sempre più impegnato nell’opera di ricucitura in seno al partito Democratico. Un sistema socio sanitario complesso, la crisi economica e lavorativa, le problematiche legate ad una società in profonda evoluzione, una città ancora bisognosa di riqualificazioni, la pochezza delle risorse e un indebitamento del Comune, ridotto ma non del tutto debellato: il domani. Di sicuro però, gli ultimi quattro anni sono imparagonabili alla glaciale era del Belcecchi bis e sia pure con tutti i suoi limiti, le ombre sulla scarsa capacità di manovra di un sindaco estraneo ai partiti, non sembrano reggere. O quanto meno non possono considerarsi come la risposta alle citate sfide, sulla ricetta per vincere le quali e solo su di essa, si giocherà la raccolta del consenso da parte dell’elettorato jesino. Divenuto molto esigente, molto più che in passato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.