Sisma, abitanti Muccia disperati. Selena Abatelli: «Ora crollano le teste».

MARCHE – Il terremoto torna a scuotere le Marche. La terra trema all’alba, alle 5.11, ancora una volta mentre molti sono a letto a dormire, come un incubo. Il sisma si è sentito anche in Vallesina ed è stato chiaramente avvertito fino in Umbria.

Tremano pure gli animi, mentre la paura si fa strada negli sguardi delle persone. Soprattutto, di quelle che vivono nelle zone più colpite dal terremoto del 2016 e del 2017.

L’epicentro stavolta è a 2 km da Muccia (Macerata). Qui la scossa, di magnitudo 4.6, ha fatto crollare il piccolo campanile della Chiesa del ‘600 Santa Maria di Varano.

Casa a Muccia

«Siamo scappati a piedi scalzi dalle nostre casette, impauriti e disperati, chiedendoci: come stiamo vivendo qui? Stiamo uscendo fuori di testa». Queste le parole delle  popolazioni colpite dopo la scossa di  oggi, raccontate a Password da Selena Abatelli, curatrice del Dream Day, che sta portando avanti progetti benefici a sostegno di queste terre: «Dopo questa nuova ondata di paura, mi stanno contattando non solo da Muccia ma anche da San Severino, da Sentino, da Valfornace, località che frequento almeno un paio di volte ogni settimana. Sono diventati la mia famiglia – ci racconta Selena – La disperazione è forte. Ora non crollano più i muri ma le teste».

Selena Abatelli nei paesi colpiti dal sisma con il progetto Dream Day

Per qualche ora, è partita anche la corrente: «Mi dicono che sono davvero stanchi. Hanno bisogno di una parola di conforto, di tornare a sperare. Domani sarò da loro a portare il mio aiuto».

Recentemente la Abatelli aveva avviato la nuova raccolta fondi “Dream Day 2018” per la realizzazione di un parco gioco per bambini e area verde per gli anziani di Val Fornace: «Hanno bisogno di ritrovare una luce che in questo momento non vedono».

Intanto sui social cresce l’indignazione: alcune delle persone che vivono nelle casette Sae (Sistemazione autonoma di emergenza), le soluzioni abitative in emergenza, hanno denunciato su Facebook i danni subiti all’interno delle abitazioni, con mobili e pensili crollati a terra in seguito alle scosse (come in foto di copertina).

Oltre 50 scosse in due ore con magnitudo superiore a 2 si sono verificate dopo quella delle 5.11. La Protezione civile è in contatto con i sindaci delle zone terremotate che al momento non hanno segnalato feriti.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*