Sisma del 6.0, si attivano le squadre di soccorso. Nascono in Vallesina gruppi di solidarietà, anche sui social

JESI –  Oggi è un giorno diverso: la mattina è iniziata presto, con la paura nel cuore. Un sisma “severo”, diffuso a macchia di leopardo in tutto il Centro Italia, nella notte ha raso al suolo la città di Amatrice, nel Reatino, e provocato crolli importanti anche nelle Marche, in particolare nelle zone del maceratese, del fermano e nell’ascolano, con vittime e feriti.

La forte scossa di magnitudo 6 è stata registrata alle 3:36, con epicentro vicino Accumoli, in provincia di Rieti, e con ipocentro a soli 4, 2 chilometri di profondità. Nelle Marche, le città più colpite dalle scosse sono Gualdo, Mogliano e Arquata del Tronto, dove si contano le prime vittime: nella frazione di Pescara del Tronto, due persone sono morte nel crollo della loro abitazione. Si tratterebbe di una coppia di anziani coniugi. Una bambina di pochi mesi, sembra nove, è stata estratta morta dalle macerie ad Arquata del Tronto.

Il bilancio al momento è di 38 morti accertati, tra Accumoli e a Amatrice, in provincia di Rieti, e nelle Marche. Vengono però segnalate molte persone sotto le macerie e il bilancio può salire.

 Ad Ancona tante le chiamate ai centralini delle forze di polizia, ma finora non sono stati segnalati crolli. A Fabriano e a Jesi, la gente è uscita nella dalle proprie case, raccogliendosi nelle piazze e nelle vie. Molte famiglie hanno scelto di dormire in auto.

Soccorsi già attivi da parte dei gruppi di Protezione civile delle Marche, stamani in riunione presso il centro regionale Sala Operativa Unificata Permanente di Ancona per organizzarsi dal punto di vista dell’assistenza alla popolazione. “Stiamo organizzando dei centri di coordinamento. I soccorsi urgenti sono già attivi”. Lo ha detto a Repubblica Vincenzo Polacco, responsabile della Sala Operativa Unificata Permanente (Soup) della regione Marche, con sede ad Ancona. “Stiamo attivando tutto il volontariato possibile nella regione e organizzando le aree per ospitare la popolazione”.

Sono state inviate intanto nelle zone più colpite dal sisma due squadre cinofile di Ancona e Vigili del Fuoco.

La Croce Verde di Jesi, in collaborazione con Anpas Marche, si sta mobilitando per mettere a disposizione quante più risorse possibili. La Protezione civile di Falconara sta organizzando con le associazioni un centro raccolta viveri, acqua, medicine e coperte. Attivati anche i Centri Emergenza della Croce Rossa, pronti ad intervenire nelle zone colpite dal sisma. La Pro Loco di Castelbellino,  in occasione della Festa della Quercia, avvierà una raccolta fondi per destinare risorse alle aree colpite, integrandole con un contributo ricavato dai proventi della Festa.

 Si attivano i gruppi di solidarietà e di soccorso di semplici cittadini: nasce su facebook il gruppo AIUTIAMOLI…GO su iniziativa di Morris Giuliani e Selena Abatelli di Jesi per la raccolta di beni di prima necessità e offerte di ospitalità rivolte alle famiglie terremotate.

La Protezione civile delle Marche invita ad ogni modo i volontari e i cittadini non residenti a non intervenire autonomamente con i soccorsi, non essendo dotati di dispositivi di protezione individuale e formazione adeguati. In generale, di non recarsi nelle zone colpite se non con attivazione regionale per non intralciare i soccorsi.

 

 

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*