Sisma: tante iniziative di solidarietà e punti di raccolta a Jesi e Vallesina. Ecco come aiutare | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Sisma: tante iniziative di solidarietà e punti di raccolta a Jesi e Vallesina. Ecco come aiutare

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – A Jesi e in Vallesina, è partita una cordata di solidarietà a sostegno delle popolazioni colpite dal sisma. Molte le iniziative di aiuto e soccorso e numerosi sono i cittadini che vorrebbero partire spontaneamente per andare a dare una mano. La Protezione Civile vieta però a chiunque non sia adeguatamente preparato e formato ad affrontare questo tipo emergenze ad avvicinarsi alle zone devastate, in quanto estremamente pericoloso. Gruppi e iniziative d’aiuto finalizzate alla raccolta di generi alimentari e beni di prima necessità sono la soluzione per chi, anche da lontano, vuole essere utile.

A Jesi, dalle ore 16.00 alle ore 20.00, presso i Giardini Pubblici, un gruppo di cittadini e imprenditori della Vallesina, allestiranno un punto di raccolta materiali di prima necessità per le famiglie terremotate. La merce partirà venerdì mattina e sarà diretta a Rieti: servono pannolini, bottiglie d’acqua, assorbenti per anziani e per donne, cibo in scatola, pigiami, tute da ginnastica, giocattoli, posate di plastica, tovaglioli.

Molti cittadini si sono rivolti anche al Comitato jesino di C. R.I  per richiedere informazioni e offrire vestiario, prodotti per l’igiene, beni di prima necessità e prodotti alimentari. Il materiale integro, pulito e non scaduto sarà raccolto presso la sede della Croce Rossa di Jesi via Gallodoro 84. In alternativa, è possibile fare una donazione tramite bonifico, intestato a Croce Rossa Italiana (i dati CAUSALE: “Terremoto Centro Italia” IBAN: IT40F0623003204000030631681 BIC/SWIFT: CRPPIT2P086).

Altra iniziativa di solidarietà arriva dal Rotaract Club Jesi che sabato 27 agosto, alle ore 18.00, allestirà un punto di raccolta per l’Emergenza Sisma presso J Village Minonna (via Mazzangrugno 11 Jesi, uscita superstrada Jesi Centro): qui si raccolgono anche garze, disinfettanti, cerotti, bende, farmaci di classe A, indumenti e biancheria, generi alimentari e per l’igiene personale.

Grazie ai social, un gruppo di solidarietà di privati cittadini “Aiutamoli … Go ha organizzato un punto di raccolta presso l’azienda Ubv adriatica Srl via Brodolini 3 a Monte San Vito, per la raccolta di beni e generi alimentari destinati ad Amatrice. Sul gruppo, sono intervenuti anche numerosi proprietari di strutture ricettive che hanno messo a disposizione posti letto e stanze per ospitare gli sfollati.

Attiva anche la Pro Loco di Castelbellino che, in occasione della Festa della Quercia – in programma a Castelbellino Stazione da domani fino a lunedì 29 agosto – organizzerà una raccolta fondi “PRO TERREMOTO” al fine di partecipare al percorso di solidarietà e primo soccorso delle popolazioni e degli enti colpiti dal disastro. Inoltre, destinerà una parte dei proventi del Festival degli Gnocchi in piazza per fare una donazione.

L’Amministrazione comunale di Monte Roberto si sta invece organizzando per una raccolta fondi da destinare ad un progetto mirato. A Pianello Vallesina, su proposta di un cittadino privato, a partire dalle ore 9.00, d’intesa con il Comune, presso la delegazione comunale, partirà una raccolta di beni destinate alle zone ascolane.

Nuova Banca Marche promuove anche una raccolta fondi a favore delle popolazioni colpite tramite l’apertura di un conto corrente (Iban: IT95 Y060 5521 2050 0000 0023 000) intestato a “N. Banca Marche sisma 2016”. Le donazioni raccolte saranno destinate all’ Amministrazione comunale di Arquata del Tronto, uno dei comuni più colpiti dal sisma. I bonifici effettuati su questo conto corrente saranno esenti da commissioni e spese. Nuova Banca Marche contribuirà alla raccolta fondi con un versamento di 10mila euro.

La Protezione civile ha attivato il numero 45500 per gli sms solidali che permettono di versare 2 euro alla popolazione colpita.

Contributi arriveranno anche dal Fencing Academy Marche, il camp di scherma partito questa settimana presso il PalaTriccoli di Jesi su iniziativa di Esitur: i proventi che ne deriveranno saranno devoluti alle città marchigiane colpite dal terremoto: anche i genitori degli oltre 100 atleti provenienti da 19 paesi hanno deciso di contribuire ulteriormente facendo donazioni volontarie. “Restiamo uniti – ha detto la campionessa Elisa Di Francisca che farà lei stessa una donazione – Nessuno è immune da questo genere di calamità: è importante aiutarsi sempre l’un l’altro”.

 

 

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.