“Sistema VOA”, l’informatizzazione del sistema sanitario dell’Area Vasta 2

JESI – Tempi di attesa ridotti e prestazioni migliorate grazie al “sistema VOA” operativo dal primo gennaio in tutta la provincia di Ancona

Il sistema VOA – Verifiche Ordinarie ASL – è una procedura informatica a supporto dell’accertamento degli stati disabilitanti predisposta dall’INPS in collaborazione con la U.O.C. Medicina Legale dell’Area Vasta 2 incaricata di un apposito progetto sperimentale dalla Direzione Generale ASUR Marche e dal Servizio Salute della Regione Marche conclusosi il 31 dicembre.

«Tale procedura si occupa di stati disabilitanti quali invalidità civile; sordità civile; cecità civile; legge n.104 e la legge n.68 – commenta il Direttore della Medicina Legale Area Vasta 2, il Dr. Gianni Fabio – e consente la gestione completa di tutte le fasi di competenza sanitaria necessarie per il riconoscimento al cittadino dei benefici previsti dalla normativa vigente in ambito di assistenza sociale». Si parla di un servizio informatico che va a migliorare l’intera gestione della procedura, dal momento dell’acquisizione della domanda presentata dal cittadino alla lavorazione delle pratiche tra le due diverse strutture sanitarie, INPS e Area Vasta 2, con tempi di attesa pressoché azzerati; sino alla concessione delle prestazioni di tutela sociale per il cittadino, con tempi di attesa ridotti. Parlando di dati, possiamo affermare con certezza (dati statici INPS) che per ciò che riguarda i tempi di attesa tra la data di presentazione dell’istanza a quella della convocazione per la visita collegiale, prendendo come esempio l’Asl di Jesi, c’è stato un notevole cambiamento: dai 123 giorni di attesa in data ottobre 2017 ai 47 per giugno 2018. «Altro dato da sottolineare – aggiunge la Dott.ssa Laura Mazzarini Dirigente sede distrettuale di Fabriano Medicina Legale Area Vasta 2 –  è l’invio automatico e multicanale degli inviti per le visite ai cittadini, tramite sms, email o posta ordinaria».

I benefici del sistema VOA sono svariati e considerevoli: condivisione di un unico archivio informatico con la possibilità di recuperare gli esiti definitivi INPS e trasferirli automaticamente nei diversi archivi di ASUR e della Regione; la certezza di essere correttamente allineati con il database INPS con la trasmissione, in tempo reale, di dati e la certezza di avere tutte le pratiche. Per non parlare della comodità di un database in cui vengono catalogate tutte le pratiche relative a tutte le sedi dell’Area Vasta 2 – Falconara M.ma; Osimo; Fabriano; Senigallia; Jesi – e della riduzione di tutti i tempi di lavorazione nel complesso iter sanitario-burocratico.

«E anche noi, come Comune di Jesi, ci stiamo muovendo nella giusta direzione – commenta il sindaco Massimo Bacci – grazie al lavoro della Dottoressa Calabrese che è stata assunta proprio per digitalizzare il nostro comune attraverso un’accurata organizzazione e riorganizzazione amministrativa».

Quello che l’economista Elena Calabrese sta attuando nel nostro comune è il miglioramento del servizio stesso con una maggior trasparenza e meno “tempi morti”, «L’obiettivo è quello di ridurre i tempi del front office per investire in quelli del back office – commenta la Dott.ssa Calabrese – digitalizzando le attività amministrative e ampliando i servizi on-line, andando anche a risparmiare tanta carta».

La rivoluzione informatica andrà a toccare procedure quali le richieste per l’occupazione di spazi e aree pubbliche; l’intera procedura per la domanda ai concorsi pubblici; segnalazioni da parte dei cittadini. Inoltre, attraverso il portare on-line, il cittadino sarà in grado di monitorare l’avanzamento della propria pratica in totale trasparenza amministrativa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*