Sit-in davanti al Pronto Soccorso: Libera Azione chiede le dimissioni di Ceriscioli e Marini | | Password Magazine

Sit-in davanti al Pronto Soccorso: Libera Azione chiede le dimissioni di Ceriscioli e Marini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce


JESI – Sit-in di protesta stamattina davanti all’ospedale Carlo Urbani, organizzato dalla civica di centro destra Libera Azione. Presenti il candidato sindaco Massimiliano Lucaboni, diversi esponenti della lista e il coordinatore provinciale di Forza Italia Daniele Berardielli. “La situazione al pronto soccorso è drammatica – ha detto Lucaboni – vogliamo cambiare le cose e dare più peso a Jesi che al momento sulla sanità è molto lontana dall’orbita regionale. Con questa manifestazione ci poniamo vicino al personale, medici e infermieri, che gestiscono un carico di lavoro enorme e chiediamo le dimissioni del presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli e del direttore generale del’Asur Alessandro Marini che non fanno nulla per cambiare il sistema. Si taglia sul personale ma non sui dirigenti”. Colpevole di questa situazione, secondo Libera Azione, “sono il Partito Democratico e la Regione, anche l’amministrazione Bacci completamente silente sulla questione”.

Il problema non riguarda solo Jesi: “Anche l’ospedale di Cingoli vive una situazione difficile – ha sottolineato Berardinelli – L’utenza grava su Jesi perché manca il servizio di altri ospedali. Questo avviene perché non c’è stata una programmazione del potenziamento dell’ospedale jesino e la situazione non può che peggiorare visto che si paventa l’ipotesi di chiusura delle strutture periferiche”. Lucaboni ha ribadito che il pronto soccorso è completamente da rifare: “Servono due triage, uno per i codici gialli e verdi, ‘altro per le situazioni gravi che devono avere una corsia preferenziale. Proprio l’altro giorno una signora mi ha raccontato di essere stata su una barella 48 ore”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.