Astralmusic

Skateboard, Jesi città di campioni. Barboni: «Obiettivo Tokyo 2020 ma servono impianti»

Astralmusic
Federico Barboni all'impianto del Parco del Ventaglio

JESI – Cadi sette volte, rialzati otto. Non c’è più saggio proverbio per gli skaters, appassionati della tavola a rotelle che vedono finalmente consacrare questo sport tra le discipline olimpiche già da Tokyo 2020.

Ci sono le opportunità, dunque, e ci sono i talenti. A dirlo è Federico Barboni, 32 anni, jesino, già campione italiano nel 2012 e attualmente responsabile Downhill Skateboarding nella Commissione Italiana Skateboard all’interno della Federazione Italiana Sport Rotellistici (FISR, ex fihp) nonché presidente della Federazione Internazionale Downhill Skateboard e della Team Flat associazione sportiva Skateboarding e Downhill Skateboarding che, dal 2000, ha sede a Jesi ed è la prima associazione in Italia per il downhill skateboarding: «La Commissione Italiana Skateboard si occupa di vari aspetti, dall’organizzazione dei campionati italiani alla definizione delle normative per i nuovi impianti. Al momento stiamo lavorando all’organizzazione di corsi per la formazione di istruttori di skateboarding di primo e secondo livello, in modo da ufficializzare la figura di allenatore in questa disciplina».

Sono due al momento i campionati italiani ufficiali che permettono ai vincitori di accedere a competizioni internazionali: «L’ultima trasferta è stata a Nanjing, per i World Roller Games, insieme al CT e alla nazionale di skateboard – racconta Barboni che, dopo la nomina a presidente, ha smesso di gareggiare – In Europa una delle due World CUP presenti è organizzata dalla Team Flat qui in Vallesina, durante l’ultima settimana di luglio: è il Verdicchio Race, una competizione mondiale di downhill skateboard che, giunta alla quarta edizione, ha attirato quest’anno a Cupramontana oltre 150 atleti da 11-12 nazioni».

Il giovane presidente ha ancora però un sogno da realizzare: inserire la competitiva Jesi nel circuito del campionato italiano e, magari, portarla a Tokyo 2020. «I ragazzi che praticano la skateboard ci sono ma attualmente in città mancano strutture idonee – fa sapere il campione che insieme ad un altro jesino, Roberto Marasca, ha raggiunto le vette del podio  – L’impianto presente al Parco del Ventaglio non ha curve adeguate per praticare lo sport in sicurezza e neanche le rampe del Cardinaletti rispondono pienamente ai requisiti: sono però positivo sulla possibilità di un intervento, c’è già stato un riscontro da parte del Comune sulla questione e speriamo di poter partire il prima possibile con lo skateboard a Jesi, città dello Sport».

Tra gli obiettivi, c’è anche quello di attivare dei corsi: «Un insegnante è utile soprattutto per chi inizia, per l’apprendimento dei fondamentali – precisa Barboni – In alternativa, non puoi fare altro che cadere e riprovare. Quasi incessantemente. Di per sé si tratta di uno sport individuale che, paradossalmente, nella sua nicchia, riesce a creare un grande senso di unione tra chi lo pratica, soprattutto tra i giovani. La tavola diventa il centro di una realtà condivisa. Un’attiva molto “social” ma nel mondo reale». (C.C.)

 Per info:

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*