Skins, una serie da bollino rosso... | Password Magazine
Festival Pergolesi

Skins, una serie da bollino rosso…

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Skins è la serie televisiva sui problemi adolescenziali vincitrice del premio BAFTA che segue le storie di un gruppo di adolescenti di Bristol durante gli ultimi anni di college. I protagonisti sono ragazzi (o ragazzini) che bevono, fumano, fanno sesso e dicono parolacce. Tra disturbi di personalità e abuso di droghe, ogni episodio tratta un personaggio in particolare tra i protagonisti, approfondendone le vicende e i problemi tipici che possono affliggere l’età dai 13 ai 17 anni.

L’idea è nata dalla penna di due scrittori, Jamie Brittain e Brian Elsley, figlio e padre, vogliosi di dar sfogo ai pensieri di quelle generazioni mediamente snobbate dai set televisivi. Il cast principale è stato completamente cambiato ogni due stagioni; segue quindi una generazione dopo l’altra, tenendo costanti le tematiche affrontate nel corso della serie. L’unico personaggio presente costantemente nelle prime due generazioni è stato Effy, ovvero Kaya Scodelario.

E’ interessante notare quanta energia e indipendenza appartenga agli stessi attori, giovanissimi, della serie. La stessa Scodelario, di padre inglese e madre brasiliana, classe 1992, vive da sola in un appartamentoa Londra dall’età di 16 anni, dichiarando più volte l’importanza per le donne di essere forti e indipendenti.

Skins, nome che si riferisce ad un tipo di cartine per sigarette, approda in Italia nel 2008. Mtv sta mandando in replica la quinta stagione. Gli episodi, essendo essenzialmente slegati l’uno con l’altro, si possono vedere separatamente senza perdere il filo visto che oguno è incentrato sulla storia di un singolo protagonista o su una questione emblematica definita.

Alla calda accoglienza del panorama televisivo anglosassone si è contrapposta una quasi indifferenza in Italia. Non che sia un problema, certo, se l’indifferenza è data nel merito (mica può piacere tutto dell’anglo-style), ma sicuramente il bollino rosso, che vieta la visione della serie propio a quella fascia a cui è indirizzata, ci ha messo del suo. Chissà se la teen-drama fosse stata messa nella fascia pomeridiana, come successe al casto Dawson Creek, avrebbe fatto qualche proselito in più.

Fatto sta che la produzione punta il 100% sugli sceneggiatori, di età media 21 anni, fino ad affermare che: “Abbiamo spesso membri dello staff creativo che saltano meeting di sceneggiatura a causa di interrogazioni o esami al college”

Giuseppe De Lauri

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.