Social Opera, familiare chiede chiarimenti al sindaco | | Password Magazine

Social Opera, familiare chiede chiarimenti al sindaco

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Foto da Pagina Facebook Fondazione Pergolesi Spontini

JESI – Ci scrive una lettrice di Password, familiare di una persona disabile, che nella giornata del 22 Ottobre ha assistito ad uno degli spettacoli inclusi nella “Social Opera“, tenutasi al Teatro G.B Pergolesi di Jesi.

La donna fa sapere che, “con sdegno e delusione”, ha potuto constatare la presenza degli assessori Butini e Quaglieri solo fino alla fine del secondo spettacolo. La percezione è stata quella “di una mancanza di tatto”, lamenta la spettatrice, poiché il terzo e ultimo spettacolo coinvolgeva persone con gravi disabilità.

La donna si è voluta così rivolgere al sindaco con questa lettera, in forma anonima:

“Spett.le Sig. Sindaco,
chi le scrive è una cittadina che ha partecipato come spettatrice al SOCIAL OPERA in data 22/10/2017 presso il teatro Pergolesi di Jesi. Il “Social Opera” consisteva in tre spettacoli che vedevano come protagonisti sia ragazzi normodotati che ragazzi portatori di handicap.
Ho trovato molto ipocrita l’atteggiamento dei Suoi amministratori, gli assessori Butini Luca e Quaglieri Maria Luisa, insieme a quello di altri rappresentanti di istituti scolastici ed enti della Vallesina.
Costoro, chiamati a salire sul palco per spendere due parole sula condizione giovanile e sull’ integrazione sociale di persone disabili alla fine del secondo spettacolo, si sono riempiti la bocca di elogi e belle parole per questi progetti sociali, per poi però dileguarsi prima della rappresentazione del laboratorio di teatralità “OPERAH”: quest’ultimo spettacolo vedeva come protagonisti persone con diversi gradi di disabilità.
Mi potrebbe dunque spiegare che senso ha farsi portavoce dei problemi della disabilità e dell’ integrazione sociale, quando sono stati i Suoi stessi amministratori a mancare di rispetto a persone che ogni giorno con le loro famiglie, lottano non senza difficoltà, per dimostrare di poter valere quanto chiunque altro?
Non le sembra un comportamento da vigliacchi alzarsi durante l’ esibizione di un ipovedente, per tornarsene a casa ?
Sono talmente indignata da dirLe che se questo spettacolo non rispecchiava i gusti dei Suoi amministratori, questi avrebbero potuto anche non presentarsi, risparmiandoci almeno il solito teatrino politico.
Cordiali saluti.” 

D’altra parte, abbiamo da poco ricevuto la replica da parte dei due assessori citati, l’assessore Luca Butini e l’assessore Maria Luisa Quaglieri.

L’assessore Butini ha dichiarato di essersi dovuto assentare in quanto doveva presenziare ad un altro evento al Palazzetto dello Sport “E. Triccoli” a Jesi, mentre l’assessore Quaglieri è intervenuta, in replica alla lettera, affermando:

“Sono rimasta fino alla fine, ho visto tutto lo spettacolo e successivamente sono anche andata a ringraziare Gianfranco Frelli, il regista, che gestiva la seconda parte dell’evento, coinvolgendo molti ragazzi autistici. Personalmente mi sono recata dietro le quinte e l’ho ringraziato a nome del Comune poiché ha fatto un lavoro egregio, facendo sì che ciascun ragazzo diventasse protagonista sul palcoscenico. Sono uscita a spettacolo ultimato.”

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.