Social Opera Festival, ottimo riscontro con quasi 2 mila presenze

JESI – Social Opera Festival, ottimo riscontro di pubblico con 1.850 presenze al Teatro Moriconi di Jesi in occasione della prima edizione firmata dalla Fondazione Pergolesi Spontini. Annunciata la seconda edizione che si terrà dal 9 al 22 maggio 2016. Al via il 13, il 20 ed il 27 giugno, tre appuntamenti formativi intensivi nelle Pratiche del Teatreducazione.

Oltre 1850 presenze di pubblico ha registrato la prima edizione del Social Opera Festival, il nuovo Festival di “territori e teatralità”a cura della Fondazione Pergolesi Spontini che si è svolto al Teatro Moriconi di Jesi dal 14 al 31 maggio scorso, con il patrocinio del Comune di Jesi,Comune di Maiolati Spontini e Asp Ambito Territoriale 9. Una manifestazione nata dal lavoro di promozione e di sensibilizzazione verso il melodramma che la Fondazione Pergolesi Spontini ha intrapreso in questi anni coinvolgendo il mondo scuole, della disabilità e del disagio sociale di Jesi e della Vallesina. Un bilancio più che positivo per gli organizzatori, che in 15 giorni ha portato in scena il lavoro di 483 bambini, ragazzi e adulti in oltre 30 rappresentazioni ispirate all’opera lirica (I racconti di Hoffmann di Offenbach e il Don Pasquale di Donizetti) nate al termine dei molti laboratori di teatralità condotti dagli operatori del “Social Opera Team” della Fondazione. Oltre 40 gli educatori, gli insegnanti e gli operatori teatrali coinvolti. Tre i seminari di riflessione inseriti nel Festival, e numerosi le associazioni che sono state ospitate per un confronto tra le esperienze di teatro sociale maturate nelle Marche e in Italia.

“Un bilancio – commenta Silvano Sbarbati, responsabile del progetto “Social Opera” e consulente alla promozione e formazione del pubblico per la Fondazione Pergolesi Spontini – che  consideriamo sotto una luce positiva pur essendo una prima edizione, dove accanto ai limiti di un progetto in fieri sono emerse le luci di una manifestazione che ha suscitato molto interesse tra i diversi soggetti coinvolti e nella città. E’ proprio guardando a questo interesse che si stanno gettando le fondamenta per la seconda edizione, arricchiti di un’esperienza ma anche attenti  ad amplificare l’offerta culturale e il coinvolgimento dei territori”.

Il successo della manifestazione spinge ora a guardare avanti, alla seconda edizione del “Social Opera Festival” che si terrà dal 9 al 22 maggio 2016, e ai prossimi imminenti progetti del progetto “Social Opera”. Tra questi ultimi, si terranno il 13, il 20 ed il 27 giugno, tre appuntamenti formativi intensivi nelle Pratiche del Teatreducazione, dedicati ad insegnanti, educatori e operatori.

Martedì 8 settembre alle ore 21, il XV Festival Pergolesi Spontini accoglierà poi al Teatro Moriconi l’evento “Stabat Mater Stabat Pater” su musiche di Pergolesi con David Uncini (tromba), Fabio Esposito (pianoforte) e la Comunità terapeutica Algos – Oikos onlus, all’interno del quale è stato condotto un laboratorio di teatralità a cura del  Social Opera Team. Il testo, di Silvano Sbarbati, mette in scena Lo Stabat della madre con lo Stabat della paternità: un accostamento che vede protagonista un gruppo di persone che stanno vivendo un momento particolarmente doloroso e impegnativo all’interno di una Comunità di recupero.

Domenica 25 ottobre alle ore 17 al Teatro Pergolesi di Jesi, va in scena il “Don Pasquale… a modo nostro” su musiche da Don Pasquale di Gaetano Donizetti, esito finale dei laboratori “OperaH”, “La Lirica non mente” e “Casa di Cura Villa Jolanda” nell’ambito del progetto Social Opera 2014-2015. L’appuntamento è a cura della Fondazione Pergolesi Spontini, in collaborazione con Comune di Jesi – ASP Azienda Pubblica Servizi alla Persona Ambito 9, Asur – Area Vasta 2 zona Territoriale 5, UMEA Unità multidisciplinare età adulta Asur ZT 5, Direzione del Dipartimento di Salute mentale Asur ZT 5, Cooss Marche e Casa di Cura Villa Jolanda di Scisciano di Maiolati Spontini. Le scene dello spettacolo sono realizzate dagli studenti del Liceo Artistico “E. Mannucci” di Jesi nell’ambito della seconda edizione del progetto “Banco di scena”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*