Società Sportiva Sampaolese, a tu per tu con il presidente Romolo Marchegiani | | Password Magazine

Società Sportiva Sampaolese, a tu per tu con il presidente Romolo Marchegiani

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SAN PAOLO DI JESI – Protagonisti dello sport in Vallesina, chi sono? Se tra questi possiamo annoverare non solo gli atleti che concretamente praticano questa o quella disciplina ma anche coloro che, dietro le quinte, lavorano con incarichi dirigenziali e organizzativi, allora possiamo considerare un assoluto protagonista il presidente della Società Sportiva Sampaolese: Romolo Marchegiani. Una carriera di lunga data, la sua. Si ritrova infatti alla guida della società calcistica in modo continuativo dal 1981.

«Sono un presidente tuttofare – ci confessa – e se c’è ad esempio da potare una siepe non mi tiro certo indietro». La  passione per il calcio il presidente Romolo ce l’ ha sempre avuta. Dice: «Ho iniziato a tirare calci al pallone all’ età di quattordici anni e ho smesso quando ne ho compiuti trentaquattro. Ho sempre militato con i colori della Sampaolese, a parte  un anno che ho giocato con l’ Apiro. Il mio ruolo? Difensore centrale».

Poi, appese le scarpe al chiodo, Romolo ha continuato a frequentare assiduamente il mondo dello sport, dando il suo contributo come dirigente. E tutto questo perché mosso da un grande entusiasmo. Ovviamente, nella sua azione organizzatrice, è sempre stato aiutato da solerti collaboratori, in primis Urbano Cotichella che della Sampaolese è il segretario.

Ma c’è qualcosa di cui Romolo, come presidente, va fiero in maniera particolare? «Certo, è il fatto che, a parte pochissimi, sono riuscito a portare  finora tutti i giovani maschi del paese al campo di calcio, consentendogli di praticare un’ attività sportiva sana e tenendoli così lontani dalle insidie della strada».

E dal punto di vista prettamente sportivo? «Innanzitutto andiamo orgogliosi per il gran numero di persone che gravitano  intorno alla nostra società. A tutt’ oggi la Società Sportiva Sampaolese vanta ben 550 tesserati. Insomma siamo il paese più piccolo della provincia di Ancona con, in proporzione, il più alto numero di tesserati. Una realtà che coinvolge tutto il paese, che dal canto suo ci supporta con passione e dedizione».

E che dire dei risultati? «La nostra rappresentativa ha sempre giocato a buoni livelli. Nel campionato 2017/18 ecco il grande risultato: la promozione in prima categoria, che abbiamo  celebrato con una grande festa nella piazza di San Paolo. Oggi giochiamo nel campionato in prima categoria e stiamo andando più che bene. Siamo infatti al secondo posto in classifica a un punto dal Castelfidardo. Insomma teniamo testa a  squadre ben più “potenziate” come il Falconara, il Castelfidardo stesso e il Moie, che rispecchiano realtà cittadine con maggiori possibilità. Il segreto di questa squadra? Un misto di fattori che trovano la sintesi in un efficace gioco di squadra, il tutto  ben coordinato dal bravo tecnico Giorgio Latini: i nostri undici giocatori in campo sanno difendere ma anche realizzare». 

Insomma la parola chiave è l’ unione: tra i giocatori, tra i giocatori e i dirigenti, tra la squadra e il paese.  Una squadra che, nel 2015, ha celebrato i cinquant’ anni della sua storia con una grande festa, a cui sono intervenuti due grandi nomi del nostro calcio: Josè Altafini e Evaristo Beccalossi. E con la pubblicazione di un libro, curato da Riccardo Ceccarelli che segna le tappe significative della Società Sportiva Sampaolese.

a cura di Giovanni Scala

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.