Sogenus: "Ricorso al TAR MARCHE come atto doveroso" | | Password Magazine
Banner4Baffi

Sogenus: “Ricorso al TAR MARCHE come atto doveroso”

MAIOLATI SPONTINI  – Sogenus interviene con una nota stampa replicando al Movimento 5 Stelle Maiolati:

“IL M5S di Maiolati continua una polemica gridata, pretestuosa e male argomentata circa il ricorso presentato da SOGENUS spa al TAR MARCHE avverso l’atto amministrativo della Provincia di Ancona col quale è stato formalizzato il diniego al progetto di completamento dell’ampliamento della discarica presentato dal Comune di Maiolati Spontini nel 2013. Si confondono i fatti, il dettato delle leggi e dello Statuto con le opinioni di chi ha scritto il comunicato, teso a mettere in cattiva luce l’operato della Presidente e del Consiglio d’amministrazione facendone una rappresentazione inverosimile e grottesca. Il M5S di Maiolati Spontini confonde la dialettica politica sana e vivace con la manipolazione della realtà e della verità degli atti e non di rado formula accuse e insinuazioni sul conto delle persone senza alcun fondamento. Il ricorso amministrativo, deciso dal Consiglio d’amministrazione e pienamente legittimato dal codice civile e Statuto sociale, (avverso il diniego della Provincia di Ancona all’approvazione del progetto di completamento dell’ampliamento della discarica comunale) è una doverosa e meditata decisione amministrativa volta a tutelare gli interessi vitali e fondamentali della società a fronte di un atto devastante per SOGENUS spa  che presenta a giudizio del legale numerosi profili di illegittimità al pari di altri atti della Regione Marche stranamente invocati dopo tre anni e mezzo di iter amministrativo.

Il ricorso deciso unanimemente dal Consiglio d’Amministrazione, pienamente condiviso dal Collegio Sindacale e ritenuto doveroso dai Soci che rappresentano il 95% del capitale sociale non doveva essere autorizzato né dall’Assemblea di coordinamento Soci, né dall’Assemblea Ordinaria dei Soci che hanno il potere di decidere sulle materie espressamente previste dal Codice Civile e dallo Statuto Sociale. Il Consiglio di amministrazione per le decisioni di sua competenza agisce autonomamente e in piena responsabilità nel rispetto dell’art. 20 dello statuto sociale. Le decisioni aziendali assunte dagli organi societari non sono decisioni ispirate da calcolo politico ma atti di prudente e corretta amministrazione. I costi del ricorso amministrativo tanto enfatizzati per richiamare l’interesse morboso dei cittadini, sono del tutto nella media, congrui, rapportati al valore e alla complessità del ricorso presentato e serviranno, ce lo auguriamo, a garantire altri guadagni da destinare totalmente ai cittadini passando per i bilanci degli enti pubblici soci per qualche anno ancora”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.