Tra sogno e realtà: Stefano Accorsi in "Azul" al Pergolesi | Password Magazine

Festival Pergolesi

Tra sogno e realtà: Stefano Accorsi in “Azul” al Pergolesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Due serate di applausi, quelle del 24 e 25 febbraio al Teatro Pergolesi, per «Azul. Gioia, furia, fede y eterno amor», spettacolo con Stefano Accorsi, Luciano Scarpa, Sasà Piedepalumbo e Luigi Sigillo, scritto e diretto da Daniele Finzi Pasca.
La vicenda ruota attorno all’amicizia tra quattro appassionati di calcio la cui squadra del cuore, il Montevideo, è connotata dal colore azzurro, l’azul in spagnolo del titolo. «Sono quattro esseri umani che non hanno madre” racconta Stefano Accorsi – una delle caratteristiche misteriose che fanno parte del lato poetico di Azul. Uno spettacolo sull’essere umano in cui la scrittura non ha una logica precisa, concepito in un modo tale da restare spiazzati».

Pinocchio, Frankestein, Golem e Adamo sono i quattro amici che «fanno i conti con le loro rispettive vite facendo affiorare ricordi, provando a ricostruire una serenità andata in pezzi» e che nelle domeniche calcistiche “si fanno travolgere da una furia che ogni volta li spazza e li sconquassa» , dando vita a una rapsodia dedicata a quanti non si danno mai per vinti spiega Daniele Finzi Pasca (autore per il Cirque du Soleil e nelle Cerimonie Olimpiche), regista dal linguaggio onirico, amante delle «immagini rarefatte, sospese in un tempo inventato, leggero» .

Stefano Accorsi
Foto Fondazione Pergolesi Spontini

Un teatro fisico, con musiche interamente dal vivo, una scrittura tridimensionale che si presta più al sentire che al venire spiegata. I personaggi sono “veri e trasognati” al contempo, simili a «clown toccanti e divertenti nei quali ci si riconosce tantissimo tutti».
Esito della collaborazione tra il Nuovo Teatro (diretto da Marco Balsamo) in coproduzione con Fondazione Teatro della Toscana, è un perfetto esempio di sinergia tra pubblico e privato, proprio in tempi di ritorno al teatro post-pandemia. «Far parte di uno spettacolo così sospeso tra sogno e semplicità, fra amicizia, ironia, fragilità, passione, tifo, musica e colori, dopo un periodo come quello che abbiamo vissuto e dal quale  ancora non siamo  totalmente usciti, è una meravigliosa avventura» , conclude Accorsi, tornato al Pergolesi dopo il “Furioso Orlando” del marzo 2015, «non vedo l’ora di ritrovare il pubblico in tutti i teatri italiani».

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.