Soldi... a catinelle: record di incassi per il film di Zalone | Password Magazine
Banner4Baffi

Soldi… a catinelle: record di incassi per il film di Zalone

Al suo secondo week-end nelle sale Checco Zalone incassa altri 11 milioni. Batte aspettative e previsioni superando, in totale, 30 milioni di euro. Sole a catinelle, di Gennaro Nunziante e Checcho Zalone, sbanca il botteghino e la folla impazzisce d’entusiasmo. Ultima puntata dell’impropria trilogia Zalone,

Sole a catinelle racconta la storia di un padre incosciente che gioca a raggirare la crisi per guadagnarsi la simpatia del figlio Nicolò. Attraverso una trama senza troppe pretese, Zalone mette in scena un film “nazional popolare”, adatto a tutti, volgare, ma non troppo.

Scrive Gianluca Arcopinto su Il Fatto Quotidiano: “In questi giorni ho letto interviste al produttore, al regista, al protagonista; ho letto le critiche; ho letto analisi di intellettuali, psicologi, esperti di marketing, perfino di Gabriele Muccino. Rimango dell’idea che davanti a un fenomeno del genere, che polverizza in quattro giorni tutte le possibili previsioni più ottimistiche che non potevano non tenere conto di quanto siano cambiati drammaticamente in peggio gli incassi generali da Che bella giornata ad oggi, non ci siano troppi perché. È così e basta”.

Questo per dire che arrivare a fare della critica cinematografica su un film come Sole a catinelle sembra eccessivo. Probabilmente è più consono procedere con intenti di critica sociale. La domanda è: perchè tanti, tantissimi italiani sono corsi a vedere l’ultima trovata di Zalone? Perchè fa ridere, eccome. Ci sono battute per cui non puoi non ridere. Ci troviamo di fronte ad un fenomeno cinematografico che non sarebbe corretto porre sullo stesso piano dei film panettone, perchè Zalone, oltrea a far ridere, fa dell’ironia, a volte sottile.

Il viaggio con papà è solo un pretesto, una rete dentro la quale il comico fa cadere le sue vittime: maestre, psicologi, imprenditori, operai, omosessuali, comunisti, logopedisti, massoni, naturalisti, giornalisti, finanzieri, neri, cinesi, artisti, registi, maestri yoga… davvero tanti, quasi tutti, tranne i politici. D’altronde, non c’è bisogno, perchè questi italiani “a catinelle” non sembrerebbero molto diversi dalla classe dirigente che li governa. Visto l’aumento del biglietto al cinema, la realtà non è poi così lontana e gli spettatori di Sole a catinelle hanno forse esaurito, ora, il proprio budget annuale destinato al consumo del cinema in sala. Lo hanno esaurito, scansando i film in concorso a Venezia. Gli italiani vogliono leggerezza. Questa è la verità. Hanno (anche) bisogno di ridere e, se non ne possono più delle secolari battute di De sica e Boldi, allora ecco che Zalone diventa un valido diversivo.

Visto da questo punto di vista, non c’è polemica. Gli italiani hanno bisogno di leggerezza, e allora sì, mi va bene anche Zalone.

 

 

A cura di Giuseppe de Lauri

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.