"Solidarietà in Vallesina": una serata di grande partecipazione insieme al Lyons Club Jesi | | Password Magazine

“Solidarietà in Vallesina”: una serata di grande partecipazione insieme al Lyons Club Jesi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

PIANELLO VALLESINA  – E’ stata una serata pienamente all’insegna della solidarietà: quella tangibile, efficace, che si nutre tutti i giorni dell’apporto di tante persone di buona volontà.

L’appuntamento, ieri sera, venerdì 21 aprile, nella sede operativa di volontariato Solidarietà in Vallesina onlus per raccogliere anche ulteriori contributi destinati al sostegno di una associazione che si adopera verso chi non ce la fa a mettere insieme il pasto quotidiano. Praticamente: aiutateci ad aiutare gli altri.

Prima un momento di incontro poi quello conviviale – grazie alla maestria di docenti e alunni dell’alberghiero “Varnelli” di Cingoli – nel magazzino dell’associazione dove si raccoglie il cibo per poi distribuirlo capillarmente nei Comuni del territorio con una media giornaliera che arriva a 2.500 pasti al giorno.

Un grande lavoro a sostegno delle fasce più deboli, un lavoro al quale in tanti danno un apporto costante e decisivo e tra questi, determinante, quello del Lyons Club di Jesi, che ha affiancato l’associazione espletando la sua massima funzione di service istituzionale, donando in pochi anni attrezzature come il furgone, il nuovo imponente refrigeratore, il contenitore isotermico per i trasporto dei prodotti a 4 gradi.

E il presidente, Paolo Mariani, sottolineando questa collaborazione ha voluto ringraziare anche tutti quelli, privati e aziende, che si adoperano costantemente nel servizio della raccolta alimentare e non solo.

Perché la generosità si esprime anche attraverso gesti, come quello di Mara Moriconi, che ha donato un frigorifero industriale, come le ditte Campanelli e Tantucci, che hanno messo a disposizione tutta la sede e la cella frigorifera
in comodato d’uso gratuito, come le altre 40 ditte convenzionate per la fornitura di generi alimentari e non.

Senza dimenticare l’impegno dei volontari che si alternano per far fronte giornalmente al ritiro della materia prima – grande distribuzione, ristorazione, attività commerciali, privati – e per la ridistribuzione “diretta ai poveri, agli emarginati e, in generale, a tutte le persone in stato di bisogno, nonché a enti che si occupano di assistenza e di aiuto ai soggetti svantaggiati”.

Un evento molto partecipato che ha preso le mosse dall’iniziativa di Nicola Di Francesco e Augusto Bordoni, presentato dal giornalista Pino Nardella, e al quale hanno portato la propria testimonianza anche il vice presidente dell’associazione Solidarietà in Vallesina, Massimo Costarelli, e l’on. Piergiorgio Carrescia, tra i firmatari della legge contro lo spreco alimentare, entrata in vigore il 14 settembre scorso.

Ospiti preziosi della serata il violinista-compositore Marco Santini e lo chef Michele Gilebbi.

Santini ha regalato momenti di grande intensità con la sua musica, specialmente quando si è esibito con il suo ormai celebre brano Il Cristo delle Marche, brano per il quale ha ricevuto a suo tempo l’apprezzamento  scrittogli da Papa Francesco.

Lo chef Gilebbi, creatore di Nana Piccolo Bistrò, di Senigallia – premiato come miglior new bistrò d’Italia – si è soffermato sulla necessità di non sprecare mai il cibo, sul rispetto della qualità e della naturalità. Ha presentato, poi, un assaggio di cappelletti in brodo, ripieni di… pasta. Un esempio di recupero con un occhio anche al gusto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.