«Soluzioni concrete per risolvere il problema delle liste di attesa» | Password Magazine

Festival Pergolesi

«Soluzioni concrete per risolvere il problema delle liste di attesa»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «La notizia apparsa sulla stampa che la Giunta Regionale Marche ha predisposto il Piano operativo per il recupero delle liste di attesa con uno stanziamento di 13 milioni è sicuramente musica per le nostre orecchie, in un momento in cui i cittadini stanno pagando i gravi ritardi sull’erogazione delle prestazioni accumulati durante questi due anni di pandemia». Lo fa sapere il coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato Pasquale Liguori: «Siamo però un po’ meno entusiasti quando leggiamo che le soluzioni che si intendono adottare sono la estensione delle fasce orarie delle prestazioni e l’introduzione in ogni azienda di un referente per il monitoraggio giornaliero delle liste – dice in una nota -. Ci  chiediamo anzitutto con quale personale la Regione intende far fronte alla estensione delle fasce orarie, supponiamo chiedendo l’ennesimo sforzo a quello già in servizio-. Diciamo ciò in quanto  ASUR  non assume personale, come abbiamo avuto modo di vedere in questi mesi. Non vorremmo che ci trovassimo di fronte ancora una volta all’ennesimo proclamo sull’abbattimento delle liste di attesa come quello che abbiamo già vissuto con la precedente giunta Ceriscioli, quando ci svegliammo una mattina e di “incanto” ci fu annunciato nientemeno che l’azzeramento delle liste di attesa. Peccato però che cosi non fu, si creò quel meccanismo perverso  del  CUP regionale per cui i tempi massimi di attesa vennero fissati ma per rispettarli si costringe il cittadino ad andare lontano dalla propria residenza con tutti i disagi conseguenti. in particolare per le categorie più fragili della popolazione».

E ancora: «Si annunciò all’epoca la massima trasparenza nella pubblicizzazione delle liste di attesa, si creò un team di garanzia con referenti sulla materia con il compito di attivarsi, attraverso una lista di garanzia,  per ricercare la disponibilità della prestazione qualora questa non fosse disponibile nei tempi della prescrizione. Peccato però che a nessun cittadino mai è stata data la possibilità di conoscere la sua posizione in una lista di attesa per un intervento e la lista di garanzia il più delle volte non viene attivata. E allora permetteteci di dubitare sulla reale volontà della politica di abbattere le liste di attesa, fatto è che, il più delle volte, il cittadino per avere una prestazione in tempi celeri deve mettere mano alla tasca e pagarsela. Noi comunque, sulla base della nostra pluriennale esperienza nel settore, ci rendiamo disponibili a dare il nostro contributo a proporre soluzioni all’annoso problema delle liste di attesa, la prima delle quali senz’altro sarebbe l’abolizione del CUP regionale, un fallimento assoluto per la gestione delle prenotazioni». 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.