Soluzioni contro rischio alluvione, se ne parla in Consiglio | | Password Magazine

Soluzioni contro rischio alluvione, se ne parla in Consiglio

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Bomba d'acqua del settembre 2018

JESI – Durante il consiglio comunale di martedì pomeriggio, a seguito di una interpellanza fatta dal consigliere Marco Giampaoletti (Insieme Civico), è stata posta l’attenzione sulla bomba d’acqua avvenuta a Jesi lo scorso primo settembre che ha causato gravi danni alla città soprattutto in alcune zone come quella del quartiere San Giuseppe.

Bomba d’acqua del settembre 2018

«È necessario trovare urgentemente delle soluzioni tecniche – ha detto Giampaoletti-, è passato molto tempo dall’accaduto ma non sono stati presi seri provvedimenti». Il consigliere ha chiesto quindi se queste soluzioni sono state trovate e se le domande che sono state presentate per il rimborso dei danni subiti sono state accolte e gestite. Il comune a tale proposito aveva chiesto lo stato di emergenza per riparare ai danni subiti ma non è ancora arrivata risposta dallo Stato e sembra non esserci più speranze.

A rispondere è stato l’assessore Roberto Renzi il quale ha spiegato come l’Amministrazione ha avviato degli incontri con la Multiservizi che ha già svolto alcuni interventi sulla rete fognaria per garantire la sua efficienza. «Alcuni interventi di medio e lungo periodo- ha spiegato Renzi- devono essere ancora svolti ed è necessario fare di tutto per intercettare l’acqua piovana a monte prima che arrivi a valle con effetti disastrosi per la città revisionando e potenziando la rete fognaria. Un intervento che andrebbe fatto è proprio quello di dirottare l’acqua in piena verso il fosso Granita per evitare che si dirami in via Setificio e via San Giuseppe».

Giampaoletti non si ritiene soddisfatto della risposta ed incalza come subito dopo l’alluvione è stata richiesta dai consiglieri Binci e Fiordelmondo (PD) una commissione per analizzare ciò che era accaduto e per trovare possibili soluzioni ma non è stata accolta dalla maggioranza in quanto non necessaria. Allo stesso tempo il gruppo Insieme Civico aveva indetto un’assemblea pubblica dove erano emerse varie soluzioni per poter ovviare al problema, come la potatura di tutti gli alberi del Viale della Vittoria per non far ostruire i tombini dalle foglie che cadono oppure l’ingrandimento delle grate per la raccolta dell’acqua con la rivalutazione del sistema fognario in quanto quello attuale non è più sufficiente perché era stato progettato per una quantità di palazzi e abitanti che nel corso degli anni sono aumentati.

«Il resoconto dell’incontro- ha detto Giampaoletti- era stato mandato al Sindaco Bacci ma per ben nove mesi non è arrivata alcuna risposta al direttivo Insieme Civico. Tutto ciò ha un costo, non possiamo rischiare che succeda di nuovo o peggio ancora che ci scappi il morto».

A cura di Emanuel Santoni

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.