Sondaggio: "Presentato il nuovo governo Draghi. Cosa ne pensate?" | Password Magazine

Sondaggio: “Presentato il nuovo governo Draghi. Cosa ne pensate?”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ITALIA- Tornano, sulle storie di instagram di Password Magazine, i sondaggi e lo fanno per conoscere l’opinione dei nostri lettori, per la maggior parte della Vallesina, sul nuovo governo formato da Mario Draghi.

E’ ovviamente l’argomento del momento su tv e giornali ma anche tra i cittadini, con moltissimi post e commenti su tutti i social. Ieri il Presidente del Consiglio ha ufficialmente accettato l’incarico e, in una conferenza stampa, ha elencato i suoi ministri, metà tecnici metà politici, con alcune riconferme dal Conte bis.
Abbiamo allora chiesto il vostro parere su questo nuovo governo Draghi sul quale c’era molta attesa ed un toto-nomine variegato, ieri sera svelato ufficialmente in diretta tv.

Governo Draghi Sondaggi

Il sondaggio, partito nella notte, ha già visto una grande partecipazione. Ci sarà tempo per votare fino alla mezzanotte circa di oggi. Per farlo, basterà andare sulle nostre stories Instagram. A questo LINK il profilo di @PasswordMagazine, per le storie basterà un tap/click sul logo in alto a sinistra

1 Commento su Sondaggio: “Presentato il nuovo governo Draghi. Cosa ne pensate?”

  1. Quando i politici dicono diamo voce al popolo,è solo una grande menzogna. Loro sanno benissimo che l’uomo comune di politica ne sa ben poco;si fida da chi ha dato la preferenza. Purtroppo, molto spesso,per detti motivi, ci troviamo al governo persone non qualificate per i compiti che,” a tavolino ” sono stati designati.
    Speriamo che il ProF.Dradghi persona nota e rispettata in campo mondiale,riesca
    a dare una svolta definitiva per mettere ordine e rispetto reale delle regole.
    Ora sono usciti i furbetti del cartellino presenze, prima, alcuni impiegati non
    si presentavano dal lunedì al venerdì, andavano il sabato per prendere lo stra-
    ordinario. E questo perchè: I politici,ad elezioni vinte,per premiare porta voti e altri personaggi di discutibile serietà, che avevano contributo al rag
    giungimento del risultato,incapaci di pianificare piani di sviluppo,riempivano
    gli uffici pubblici di personale e dove ne bastavano 5 ce ne erano 20.E molti
    non sapendo cosa fare,andavano a fare la spesa al supermercato o facevano altri
    lavori a nero.
    La colpa io però la do anche ai sindacati. Non ho visto ancora che una sindaca-
    to punisse ufficialmente detti trasgressori.
    I sindacati di una volta davano prestigio e dignità ai lavoratori per c’era un
    sacrosanto principio “diritti e doveri” i dipendenti era contenti e rispettosi
    dei loro compiti perchè l’azienda rappresentava la sicurezza economica e l’avve
    nire dei loro figli. Da quando sono diventati politicizzati, che, per fare cassa si suffragi ha dato ai lavoratori solo diritti diritti e diritti e pochi
    doveri,rendendo meno sul lavoro, hanno eroso l’economia delle piccole medie
    aziende e queste o hanno chiuso o se ne sono andate a l’estero per continuare
    scaricando sulla spesa pubblica il coto della disoccupazione.
    Vi sembra una sindacato pro lavoratori, quando faceva fare ore e ore di sciope
    ro nazionale mettendo in crisi tutto l’indotto per 50.000 lire in più sulla busta paga e non per ottenere nuove realtà produttive,per dare più redditi alle
    famiglie e allo Stato?
    Vi sembra un sindacato pro lavoratori quando le aziende,presentato progetti di
    espansione aziendale per dare più occupazione, ebbero anche miliardi a fondo
    perduto e poi quei soldi furono investiti chi lo sa dove ma non certamente per il motivo cui furono dati. I sindacati dove stavano?
    Durante tangentopoli aziende pubbliche partite costo 10 arrivarono a costo 100
    dando la possibilità a furbi e forse anche a politici corrotti,di spartirsi un
    fiumne di mi miliardi. I sindacati dove stavano’? Se tutti quei miliardi fosse
    ro stati investiti in nuove realtà produttive, non avrebbero dato più occupazio
    ne,reddito alle famiglie e allo Stato?
    Il governo elargì fondi per lo sviluppo del Meridione e poichè il meridione
    voleva dire solo agricoltura,artigianato e turismo, che evidentemente non dava
    molti iscritti,di comune accordo con gli industriali del Nord e forse politici
    corrotti,promettendo posti di lavoro,ebbero dai comuni fiumi di ettari di terre
    no gratis e anche altre agevolazioni. Il partì e tanti giovani abbandonarono
    l’agricoltura e l’artigianato per una vita migliore lavorando nelle industrie.
    Dopo un di tempo, i sindacati, vuoi perchè non ebbero quanto promesso,vuoi
    perchè forse era stato studiato tutto a monte,scioperando scioperando cotrinse
    ro le aziende a chiudere, lasciando un mare di scheletri aziendali e tanta
    disoccupazione. Se fossero stati investiti tutti i miliardi che lo Stato dette
    nelle reali capacità produttive del meridione, oggi,del Sud si avrebbe una di
    versa considerazione.
    Ci vuole responsabilità,capacità, serietà, e onestà.
    Solo in questo modo possiamo riprendere un cammino serio e produttivo.
    Cordialità.
    Franco Gabellone.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.