SONDAGGIO: Museo Federico II, i nostri lettori approvano la donazione e lo vogliono aperto | Password Magazine
Festival Pergolesi

SONDAGGIO: Museo Federico II, i nostri lettori approvano la donazione e lo vogliono aperto

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Museo Federico II chiude oppure cambia proprietà? Se ne è discusso per mesi e alla fine è arrivato il verdetto del consiglio comunale di Jesi che ha deciso di accettare la donazione del museo dalla società che lo aveva aperto. Ne parliamo in questo articolo: Museo Federico II: donazione accettata.

In attesa di capire bene come andrà avanti l’attività (probabilmente grazie ad un nuovo progetto pubblico/privato da definire) sui social e nelle piazze jesine si è aperto il dibattito che ha un pò diviso, come in consiglio comunale, le opinioni tra i favorevoli ed i contrari.

Dopo il successo di partecipazione dei precedenti sondaggi sulle nostre stories, abbiamo deciso di chiedere l’opinione ai cittadini della Vallesina, anche su questo argomento. La domanda posta dal sondaggio, dopo una premessa ed i link agli articoli per comprendere bene la situazione, era “condividete la decisione di accettare la donazione e quindi di continuare a tenere aperto il museo?

Quasi 400 persone hanno interagito con il sondaggio da noi proposto ed il risultato è stato nettissimo con un 93% dei nostri lettori schierati a favore della decisione di accettare la donazione e continuare a tenere aperto il museo, contro un 7%  inclini al rifiuto ed alla chiusura, almeno dell’attività come la conosciamo.

 

Intanto sono continuate le dichiarazioni contrapposte nel mondo della politica.

Jesi in Comune, nella giornata di ieri dichiarava tramite i suoi canali social: “La città di Jesi si accolla il fallimento gestionale del Museo Stupor Mundi. Dopo due soli anni dalla sua apertura e a fronte di un impegno che garantiva circa 9 anni di gestione, ecco la situazione: la maggioranza vota per il passaggio della proprietà del Museo al comune fino a fine anno con una gestione temporanea che poi diventerà definitiva.
Tanti i punti che non convincono: la valutazione del Museo avrebbe dovuto essere fatta da esterni e invece è stata fatta dalla proprietà stessa del Museo che parla di due milioni di euro. Solo nel 2018 il Museo ha registrato un rosso nel bilancio di circa 110mila euro. Temiamo che la discussione sul suo passaggio si sia resa così urgente perché altrimenti avremmo dovuto fare i conti anche con il deficit del 2019 che, si presume, sia addirittura superiore. Sarebbe stato più logico parlarne con il bilancio dell’anno nuovo e soprattutto, sarebbe più logico avere un programma, un progetto su cosa fare con il Museo e poi dire che la collettività se lo accolla.
La volontà di cederlo alla città dall’ing. Pieralisi era stata manifestata sin da subito, perché allora si è arrivati a questo punto disorganizzati? Tra l’altro questa struttura è ad invecchiamento precoce: la caratteristica della multimedialità richiede aggiornamenti ed investimenti continui. Aspetto che probabilmente non è stato considerato nella valutazione. Va fatta una riflessione anche dal punto di vista culturale: chiediamoci quanto la città voglia il Museo o se invece preferisca un cinema, l’Università, il completamento dei lavori al Teatro Moriconi. La cultura non è turismo, come invece si ostina a credere questa maggioranza, altrimenti il nostro margine sono i croceristi che trascorrono due ore in città e di certo non hanno il tempo di vedere i musei cittadini. Non stiamo mettendo in dubbio l’importanza della figura di Federico II o di avere un museo nell’omonima piazza, stiamo evidenziando che in questa città manca una politica culturale. La dimostrazione sta nell’accollarsi il Museo senza aver pensato al futuro”.

Ovviamente di diversa opinione la maggioranza che, con un post del Sindaco Massimo Bacci, replica così: “Ora che il Consiglio comunale ha accettato la donazione del museo virtuale Federico II Stupor Mundi, due brevi considerazioni.
La prima è la riconoscenza all’ing. Gennaro Pieralisi, mecenate che ha fortemente voluto questo museo per rimarcare l’importanza della figura dell’imperatore svevo e il contributo che può dare alla promozione del nostro territorio.
La seconda è l’impegno che ci dobbiamo assumere per cogliere questa sfida che ci si presenta e per attivare nuove politiche attrattive. In questi anni abbiamo riqualificato molti contenitori e spazi nel centro storico: penso alla Salara di Palazzo della Signoria, al Museo Archeologico, all’Istituto Marchigiano di Enagostronomia, ma anche a Piazza Colocci o alla prossima Piazza Pergolesi.
​Il museo Federico II Stupor Mundi è un ulteriore tassello che può servire, se ben organizzato, a richiamare turisti italiani e stranieri e a generare così occasioni di crescita per tutti. E su questo dobbiamo puntare con una gestione giovane, brillante, capace di costruire iniziative e progetti appetibili”.

 

Per tutte le informazioni ed i prossimi sondaggi, seguiteci anche su INSTAGRAM

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.