Sorpresi in 4 senza patente: sanzioni per 21 mila euro | Password Magazine

Sorpresi in 4 senza patente: sanzioni per 21 mila euro

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Ammontano a 21 mila euro complessive le sanzioni a quattro cittadini extracomunitari sorpresi alla guida dei veicoli senza patente. Sono state comminate dagli agenti della Polizia locale nel corso dei controlli effettuati nell’ultima settimana in varie parti della città. 

Il primo è stato individuato al quartiere Prato: era in sella ad un motociclo senza aver mai conseguito la patente abilitante. Mezzo sottoposto a fermo amministrativo e 5 mila euro di sanzione. A Minonna lo straniero fermato al volante di un’utilitaria ha invece esibito un permesso internazionale abilitativo alla guida apparentemente rilasciato da un’autorità extra Ue. Oltre ad essere scaduto, ad un più attento esame il documento risultava anche falso: 5 mila euro di multa, veicolo fermo per 90 giorni e segnalazione all’autorità giudiziaria.

A San Giuseppe è stato invece fermato un altro soggetto in sella ad un motociclo: né patente né assicurazione e dunque 6 mila euro di sanzione complessiva e fermo con sequestro del mezzo. 

Infine ieri l’ultimo fermato: alla guida di un veicolo di proprietà di altro soggetto, esibiva una patente apparentemente rilasciata dalle competenti autorità della Gran Bretagna. I controlli hanno permesso di verificare che fosse falsa. Alla contestazione lo stesso soggetto replicava che quel documento era stato rilasciato a conversione di un’altra patente di guida extra Ue che esibiva agli agenti. Oltre ad essere scaduta, anche questa risultava falsa. Anche per lui 5 mila euro di multa e segnalazione all’autorità giudiziaria. Multa di circa 400 euro al proprietario del veicolo per incauto affidamento.

1 Commento su Sorpresi in 4 senza patente: sanzioni per 21 mila euro

  1. voglio vedere adesso chi paga le multe e con quali soldi.
    sono questi gli immigrati di cui a bisogno Jesi e l’Italia complimenti a chi permette tutto ciò, buonisti, cooperative, politici e caritas e chiesa.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.