Sospetti covid, pazienti disorientati: appello ai medici di famiglia | Password Magazine

Sospetti covid, pazienti disorientati: appello ai medici di famiglia

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Medici di famiglia e gestione di casi sospetti Covid, il Tribunale per i Diritti del Malato torna sulla questione. «Continuiamo a ricevere  segnalazioni di cittadini che si sentono abbandonati , disorientati e completamente allo sbando – informa il coordinatore Pasquale Liguori -. Ci raccontano che spesso non riescono a reperire telefonicamente il proprio medico , ovvero in altri casi il medico si rifiuta di andare a domicilio anche in presenza di sintomatologia riconducibile ad un possibile COVID. In altri casi,ci riferiscono che il medico invita il paziente ad andare a studio e tutto ciò non è tollerabile, sia perché molte volte la persone non è nelle condizioni di salute tali da potersi muoversi, sia perché, qualora fosse positiva al virus, metterebbe a rischio contagio altre persone».

liguori
Pasquale Liguori, coordinatore del Tribunale per i Diritti del Malato

Confusione che aumenta se si fa riferimento a quello che succede nella scuola: «Ci viene riferito che, nel caso in cui uno studente venga messo in quarantena perché nella sua classe è stato riscontrato un positivo, il medesimo viene isolato a domicilio per 14 giorni eppure ciò non avviene per i suoi familiari che continuano a fare una vita ‘normale’ – spiega Liguori -. Il tampone non viene eseguito se lo studente è asintomatico. E la situazione si complica se l’isolamento familiare può essere attuato perché l’abitazione non lo consente».

Il timore del Tribunale per i Diritti del Malato è che confusione e disorientamento favoriscano il diffondersi del contagio: «Facciamo appello ai medici di famiglia a che non facciano mai mancare l’appoggio e l’informazione ai loro pazienti – è la richiesta di Liguori – Noi intanto ci faremo carico di mandare alla FIMMG (federazione medici di famiglia) e se occorre anche all’Ordine dei medici, le segnalazioni che riceviamo dai cittadini, con l’auspicio che non si verifichino più casi come quelli descritti; chiediamo  nel contempo all’ASUR di fare comunicazioni più chiare e più dettagliate  sull’iter da seguire in caso di sospetto COVID dando magari riferimenti telefonici a cui possibilmente risponde qualcuno in grado di far fronte alle segnalazioni dei pazienti , tutto ciò  per evitare che il paziente preoccupato vada in Pronto soccorso».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.