Sosta selvaggia al Carlo Urbani, Tribunale Diritti Malato sollecita soluzioni | | Password Magazine

Sosta selvaggia al Carlo Urbani, Tribunale Diritti Malato sollecita soluzioni

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – «Cosa si aspetta a  mettere mano ad una regolamentazione della sosta all’interno dell’area ospedaliera, oltre che ad una modifica della viabilità della strada di accesso al Carlo Urbani. Ogni giorno che passa la situazione si fa sempre più difficile per il paziente che deve recarsi in ospedale per una visita o per un accertamento». La denuncia arriva dal Tribunale per i Diritti del Malato, tramite la voce del coordinatore Pasquale Liguori: «Nei  giorni scorsi le auto erano parcheggiate dappertutto, lungo gli spazi riservati ai pedoni, lungo la via di accesso all’ospedale, sulle aiuole dei parcheggi , accanto ai locali caldaia /condizionamento , per non parlare degli spazi riservati all’handicap (ho verificato di persona che molti di essi erano occupati da auto senza l’autorizzazione prevista). Ci sono poi le auto dell’ASUR che, non avendo un’ area ad esse riservate , occupano posti auto destinati al pubblico.  Poi è assolutamente necessario apportare modifiche alla viabilità che mette a serio rischio l’incolumità delle persone».

Già in passato il Tribunale per i diritti del malato aveva proposto all’ASUR ed all’Amministrazione comunale di prevedere la modifica del senso di marcia sulla strada di accesso al Carlo Urbani (Via Aldo Moro ultimo tratto ), un senso unico a salire con doppia corsia per le auto e corsia riservata per i mezzi di soccorso (ben delimitata): «Attualmente questo tratto di strada è a doppio senso di marcia con un pericoloso incrociarsi di auto e di ambulanze al punto di snodo con l’accesso al Pronto soccorso ed ai parcheggi (proprio lì avvengono gli incidenti) – continua Liguori – Con questo nuovo senso di marcia i percorsi di uscita, due soltanto, per le auto sarebbero solo quelli che portano verso Via dei Colli, con ingresso del vecchio Murri, riservando l’attuale uscita  verso la camera mortuaria solo alle auto autorizzate con permesso (dipendenti,disabili,donatori ecc) che possono usufruire del parcheggio li a loro dedicato. La nostra proposta prevedeva inoltre di regolamentare diversamente la sosta all’interno dell’area ospedaliera, con la realizzazione di nuovi parcheggi  (le aree possibili ci sono) , prevedendo tre aree distinte per la sosta : quella per i dipendenti, quella per gli utenti disabili/in trattamento sanitario continuativo/ donatori e quella per i visitatori; per questa ultima se si vuole garantire un posto per tutti bisogna prevedere una sosta a tariffa per ora e frazione di ora come avviene nella maggior parte delle strutture ospedaliere. Queste proposte le porteremo alla nuova Direzione dell’AREA AV2 in un prossimo incontro ma chiediamo anche al Sindaco di farsi parte attiva verso ASUR per trovare soluzioni al problema».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.