Sostegno alle imprese, contributi a chi lancia un'attività e a chi assume | Password Magazine
Festival Pergolesi

Sostegno alle imprese, contributi a chi lancia un'attività e a chi assume

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Tasse comunali azzerate per tre anni alle nuove attività produttive che aprono, contributi triennali alle imprese che assumono stabilmente personale, microcredito per sostenere operatori economici in acquisti o spese particolari.

Sono questi i tre pilastri su cui si basa l’azione dell‘Amministrazione comunale di Jesi per favorire l’insediamento di nuove attività e promuovere il rilancio del settore produttivo illustrati questa mattina dal sindaco Massimo Bacci alle associazioni di categoria. Presenti all’incontro Confindustria, Confartigianato, Cna e Confcommercio.

“Dopo la positiva esperienza del fondo di garanzia di II grado per l’accesso al credito delle imprese attraverso i Confidi – ha spiegato il sindaco – abbiamo individuato altri strumenti per sostenere il lavoro e l’occupazione nel nostro territorio, destinando risorse direttamente alle attività produttive. Ed abbiamo scelto un percorso ampio e partecipato. Innanzitutto una condivisione con le associazioni di categoria sulle migliori modalità con cui effettuare tali interventi perché sono questi soggetti che meglio di ogni altro hanno il polso della situazione. Loro ci aiuteranno a predisporre una ipotesi di Regolamento che porteremo in discussione in Commissione, pronti a recepire ulteriori contributi di idee e proposte fino a portare questo atto all’approvazione del Consiglio comunale. Una volta fissate così le indicazioni generali, vi saranno successivi bandi annuali con indicazione delle risorse destinate e le modalità di formazione delle graduatorie, tenendo presente che l’annualità prende in considerazione l’anno solare e dunque partiamo dal 1° gennaio 2014”.

Già nella proposta presentata dall’Amministrazione comunale alle associazioni di categoria vi sono comunque ipotesi ben delineate. Per quanto riguarda le agevolazioni per le nuove attività, esse si intendono concretizzare con un contributo sostanzialmente pari alla somma che le stesse dovranno versare per il pagamento di tributi e tasse comunali. Saranno su base triennale e interesseranno le nuove attività di commercio al dettaglio in sede fissa, quelle del settore alimentare e dell’artigianato con negozio di vicinato. Priorità si intende darla alle attività con sede operativa in centro o nei borghi storici così come classificati dal Piano Regolatore Generale (e dunque quartieri Prato, San Giuseppe, zone di via Roma, di via Gramsci, ecc.). Saranno escluse alcune attività specifiche: vendita di armi, articoli per adulti, monoprezzo, sigarette elettroniche, distributori automatici, sale giochi e sala scommesse, compro e vendo oro, argento e attività simili, oltre ad altre che saranno specificate nei bandi che saranno emessi volta per volta.

Relativamente alle assunzioni, l’Amministrazione comunale intende premiare le aziende che la garantiscono in forma stabile, concedendo un contributo, anch’esso per tre anni, che sarà erogato in un’unica soluzione, previa verifica del mantenimento dell’unità lavorativa per la quale è stato richiesto il sostegno. Qualora l’impresa proceda contestualmente all’ampliamento della superficie, l’estensione del beneficio salirà a 4 anni.

Quanto al microcredito per le imprese, che seguirà un iter diverso rispetto alle due precedenti forme di agevolazioni, la proposta prende in esame la costituzione di un fondo, a cui potranno aderire più enti ed organismi oltre al Comune per implementarlo. Tale fondo sarà destinato alle attività produttive che si trovano alle prese con acquisti o spese documentate straordinarie rispetto alla loro normale attività. Sarà coinvolto un soggetto terzo, preferibilmente individuato dalle associazioni di categoria attraverso una delle loro articolazioni, in grado di compiere le valutazioni tecniche ed amministrative necessarie sulle domande presentate. Una volta che la domanda sarà ritenuta accoglibile – con verifica della capacità restituiva dell’attività produttiva che l’abbia presentata – l’ente creditizio convenzionato (non necessariamente una banca tradizionale) erogherà la somma.

Nel consegnare la documentazione alle associazioni di categorie presenti, l’Amministrazione comunale ha concordato un nuovo incontro con le stesse, già calendarizzato a fine mese, per ricevere ed esaminare insieme le proposte e ed i suggerimenti che permetteranno la stesura della documentazione che sarà poi portata all’esame della Commissione consiliare competente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.