«Sotto lo stesso cielo» di Matteo Greco, un riconoscimento alla musica che unisce | Password Magazine

«Sotto lo stesso cielo» di Matteo Greco, un riconoscimento alla musica che unisce

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- É stato inserito fra i migliori lavori dell’iniziativa “Il cielo è di tutti” di Bologna, il videoclip della canzone “Sotto lo stesso cielo” di Matteo Greco realizzata in collaborazione con l’ASP ambito 9 e con il Comune di Jesi, in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato.

Il videoclip, girato a Jesi e al canneto di Marotta, racconta il viaggio di un ragazzo, Felix, con i suoi sentimenti e stati d’animo, cercando di sensibilizzare la popolazione sulla realtà dell’ integrazione a Jesi, evidenziando quindi tutto l’impegno che vi è dietro questa struttura.

Matteo Greco_24062021

Oltre che in luoghi specifici di Jesi, il video è stato ambientato anche in un autobus, messo a disposizione dall’azienda jesina di trasporti Crognaletti, che è sta ringraziata pubblicamente dalle autorità e dal cantautore.

Nonostante il messaggio chiaro, Greco ha voluto porre in evidenza una sua impronta personale, rendendo il messaggio universale: «Il tema dell’amore – afferma – è universale, è proprio di ogni essere umano e attraverso la narrazione di una storia caratterizzata dal viaggio alla ricerca di un futuro migliore, ogni persona si può immedesimare in Felix, comprendendone le emozioni e gli stati d’animo». L’autore già in passato si è contraddistinto per una caratura spiccatamente sociale delle sue opere, avendo affrontato il tema della morte di George Floyd con una canzone-reportage, dal titolo “Mi chiamo George”, che su Youtube ha raggiunto le 90 mila visualizzazioni.

Il video di “sotto lo stesso cielo” è stato trasmesso anche durante la seduta del Consiglio Comunale di Jesi di oggi (giovedì 24 giugno) in cui il sindaco Massimo Bacci ha espresso piena soddisfazione per il sistema organizzativo di accoglienza del territorio. «Siamo stati l’unico Comune che, nel 2016, ha accettato di prendere in carico il progetto ex SPRAR nella provincia di Ancona. Grazie all’Asp Ambito IX e all’unione di 21 Comuni, abbiamo costruito una rete inimmaginabile con numeri impressionati. La provincia, prima di noi, gestiva 85 migranti su soli tre Comuni. Oggi ne gestisce 582 cui si aggiungono anche altri 35 minori non accompagnati, coinvolgendo 21 comuni e con equa distribuzione sul territorio e centinaia di operatori coinvolti. Siamo il terzo progetto in Italia dopo Roma e Bologna e il primo in Italia per enti territoriali coinvolti». Soddisfazione anche dal presidente dell’Asp Ambito IX Matteo Marasca: «Un ulteriore riconoscimento a quello che è un progetto importante, tanto da essere uno tra i primi in Italia, per numero di beneficiari e numero di utenti coinvolti. Un riconoscimento che ci aiuta, ancor di più, a sensibilizzare la nostra comunità sui temi dell’accoglienza e dell’inclusione». (t.c.)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.