Spacca il lunotto di un’auto dell’Asur fuori l’ospedale, fermato dalla Polizia

JESI – Alcuni giorni fa, una pantera del Commissariato di Polizia di Jesi, in servizio di controllo sul territorio, ha intercettato in via Montelatiere un uomo che camminava lungo la strada. Gli agenti lo hanno fermato per un controllo identificativo: si trattava di un cittadino italiano di origine ucraina di 23 anni. Notato che perdeva sangue al polso e, non risultando chiara l’entità e l’origine della lesione, a fronte delle sue dichiarazioni troppo confuse, è stata fatta intervenire un’ambulanza del 118 che ha provveduto all’accompagnamento del soggetto presso il vicino Pronto soccorso. Li giunto, gli operatori di Polizia si sono convinti ulteriormente della stranezza del comportamento: il 23enne, invece di sottoporsi in modo convinto alle cure, ha cercato di defilarsi tentando di raggiungere ripetutamente l’uscita. In quel frangente, i poliziotti hanno preso dall’infermiere del triage che il soggetto circa un’ora prima si era presentato a quel servizio di emergenza chiedendo di essere visitato per dolore a un dente. Assegnata la proprietaria d’accesso in relazione a sintomi, era stato fatto accomodare nella sala d’attesa ma dopo circa un quarto d’ora se n’era andato. Insospettiti da quanto appreso gli agenti, unitamente al soggetto nel frattempo medicato, sono usciti dal Pronto soccorso ripercorrendo a piedi il percorso dello stesso fatto per uscire dal perimetro dell’ospedale: dopo poche decine di metri si sono accorti della presenza di un’autovettura, una Fiat Panda recante la scritta lungo entrambe le fiancate Asur Marche con il lunotto posteriore infranto. Richiesta contezza, il soggetto dopo aver escluso la propria responsabilità nel danneggiamento, ha ammesso di averlo provocato dichiarando fantasiosamente di aver poco prima cercato di colpire un uomo che stava forzando il portellone posteriore lo raggiungendolo. Alla luce delle evidenze l’uomo è stato accompagnato in Commissariato per la completa identificazione è per la formalizzazione degli atti necessari alla sua denuncia all’Autorità Giudiziaria per il reato di danneggiamento aggravato. Nella mattinata successiva sono stati informati della vicenda i competenti uffici Asur per l’avvio della procedura di recupero del danno subìto dal veicolo. Sul posto per la completa acquisizione delle fonti di prova è intervenuta anche la Polizia scientifica di Jesi che ha provveduto tra l’altro anche l’acquisizione delle tracce ematiche dal 18 infranto. Il soggetto fermato – S.V. le iniziali – disoccupato temporaneamente domiciliato in questo centro è stato sottoposto alla misura di prevenzione dell’avviso orale del Questore di Ancona, primo passo qualora dovesse rendersi responsabili altri reati o comportamenti pericolosi per l’applicazione di misure preventive maggiormente afflittive.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*