Spacciavano cocaina e marijuana: in quattro arrestati | | Password Magazine

Spacciavano cocaina e marijuana: in quattro arrestati

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

OSIMO – In quattro agli arresti domiciliari: grazie all’operato dei Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Osimo, due italiani e due albanesi sono stati accusati di detenere, a fini di spaccio, oltre 70 kg di droga.

Un quantitativo di 68kg di marijuana e circa 3kg di cocaina, per un guadagno di circa 900mila euro.

Le sostanze stupefacenti sarebbero state spacciate dal 2015 fino ad Ottobre 2019, nelle zone tra Ancona e Macerata, in collaborazione con una rete di spacciatori riferibili alla zona della Riviera del Conero e alla zona nord del Maceratese: avvenivano quotidiane cessioni a domicilio, a tutte le ore, al costo di 100 euro al grammo per la cocaina, e 10 euro per la marijuana.

Durante le investigazioni, i militari hanno effettuati numerosi interventi, arrestando in flagranza di reato sette persone, e recuperando 39 kg di marijuana e 600 gr di cocaina.

Le comunicazioni telefoniche tra gli indagati ed assuntori avvenivano a mezzo “dati” con utilizzo di social e applicazioni telefoniche che hanno reso molto difficoltosi sia le investigazioni che i controlli.

Sono inoltre emersi degli episodi di estorsione con violenza e minacce da parte degli indagati nei confronti di acquirenti per costringerli a pagare i debiti derivanti dalle cessioni di droga. L’accusa è quindi quella di concorso in detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione continuata.

Il Gip di Macerata Domenico Potetti, su richiesta del pm Claudio Rastrelli, ha quindi emesso un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari a carico dei quattro: durante l’esecuzione delle misure casa di uno dei quattro, a Loreto, l’unità del Nucleo cinofilo di Pesaro ha permesso di rinvenire circa 90 gr di cocaina, e l’interessato è stato tratto in arresto anche per detenzione ai fini di spaccio.

Oggi l’udienza di convalida.

 

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.