«Spesa In Quartiere», giovani jesini creano la web app per fare acquisti con un click | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

«Spesa In Quartiere», giovani jesini creano la web app per fare acquisti con un click

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Fare la spesa nel supermercato vicino casa con un semplice click. Nasce «Spesa In Quartiere», una piattaforma online gratuita creata da un gruppo di ragazzi jesini, tutti d’età compresa tra i 24 e i 25 anni, che hanno messo in connessione le loro capacità e competenze accademiche per creare un progetto solidale a servizio della comunità. Una proposta che ha intercettato anche l’interesse del Comune dato che consentirà ai cittadini di contattare supermercati e negozi per reperire beni necessari, contribuendo a diminuire il flusso nei luoghi di assembramento.
I giovani protagonisti di «Spesa In Quartiere» sono: Francesco Mariani, due volte laureato alla Bocconi, e attualmente impiegato presso una Banca d’investimento (Banca Imi), Riccardo Belardinelli, laureato in lettere, ha scritto per la Gazzetta dello Sport e Undici, Lorenzo Caresana, laureato all’Università di Torino, ora studente di Urban Policy Design al Politecnico di Milano; Francesco Gregori, studente prossimo alla laurea in Informatica a Bologna e Web Developer, Andrea Petrolati, laureando in Management engineering, attualmente in Medellin per lo studio del social impact e sistemi Fintech for social good; Luca Petrolati, studente di ingegneria energetica presso il Politecnico di Milano, Daniele Garofalo, laureato in Industrial design (ha esposto al salone del mobile 2018) attualmente stagista in studio Diotallevi Design.
Sette ragazzi con la volontà di mettersi in gioco per fare del buono, anche a distanza, per la propria città.

«Il servizio non è ancora attivo ma siamo arrivati quasi alla fine del percorso – spiega Mariani -. Si tratta di una web app che farà da punto di incontro tra cittadini e i supermercati/negozi di vicinato e di prima necessità». La piattaforma sarà attivata nelle prossime settimane, dopo che nei giorni scorsi era stato diffuso in rete un questionario: «A 24 ore del lancio avevamo già ottenuto circa 500 risposte – precisa Belardinelli -. I due terzi del pubblico che ha partecipato al sondaggio non sono nati nell’era digitale il che ci fa ben sperare che questo strumento possa essere utilizzato da tutti, anche da chi non ha dimestichezza con la tecnologia. Anzi, abbiamo questionari compilati anche da ottantenni».
Attraverso la piattaforma i cittadini potranno inviare la loro lista della spesa al supermercato o negozio di quartiere, poi potranno passarla a ritirare riducendo al minimo il tempo lontano da casa.

«Ci siamo dati come obiettivo il bene – spiegano i ragazzi -. A Jesi si avverte un forte desiderio di cambio di passo, nonostante siamo molto giovani abbiamo voluto creare qualcosa di veramente importante per la città per aiutare in questa emergenza. Un progetto no profit e ispirato solo dalla solidarietà».  Un esempio di rete digitalizzata che, in attesa di tempi tecnici, tra pochi giorni diventerà realtà a questo link

Banner-Montecappone
Montecappone

2 Commenti su «Spesa In Quartiere», giovani jesini creano la web app per fare acquisti con un click

  1. Veramente grandi!ciò dimostra che anche nei giovani sempre così bistrattati posso convivere ideali profondi che portano poi a progetti concreti a beneficio dell’intera collettività.

  2. Vi faccio i complimenti ragazzi perché serve creare e sviluppare nuove idee che possono aiutare e facilitare le cose a tutti. E poi fa piacere che le nostri menti giovani facciano delle cose in Italia x gli Italiani.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.