Sport e disabilità, Jesi leader in Europa con il progetto "S.IN.DY" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Sport e disabilità, Jesi leader in Europa con il progetto "S.IN.DY"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Jesi capofila in un progetto europeo che sposa disabilità e sport. Un calendario di iniziative, tornei e workshop che impegnerà per un anno partner internazionali e amministrazioni di altri Paesi europei sul fronte dello sport integrato e dell’inclusione sociale della disabilità.

“Un progetto dove Jesi sarà leader, potendo contare sul possibile cofinanziamento tramite bando europeo per un valore di circa 600 mila euro – ha spiegato l’assessore Ugo Coltorti – Durerà un anno, coinvolgerà più partner e fornirà all’Europa le linee guide per attivarsi in tema di sport e disabilità”.

Il progetto si chiama “S.IN.DY”, azioni per lo sport l’inclusione sociale e la disabilità, e sarà ufficializzato ad ottobre, qualora riceva i fondi europei.

“Obiettivo è creare l’incontro tra questi due mondi, quello della disabilità e non, attraverso il superamento della barriera  – ha spiegato il project manager Marco Cardinaletti – I risultati di questo progetto saranno un portale on line per l’incrocio tra domanda e offerta che proponga un calendario di eventi sportivi e la stesura di un documento finale che detti le strategie guida in tema di sport e invalidità”.

Il progetto mirerà ad integrare la pratica sportiva, consentendo di far gareggiare nell’ambito della stessa competizione portatori di disabilità e normodotati, avvicinare i popoli e i diversi paesi sul tema dell’inclusione sociale e della disabilità, educare ai valori dello sport, sviluppare seminari e workshop al fine di sostenere la ricerca e condividere terapie e buone pratiche innovative, costruire una rete sociale per comunicare e intrecciare rapporti fra chi esprime un bisogno e offre una disponibilità a livello europeo.

Dieci partner provenienti da sette aree europee, per un scambio di buone pratiche tra territori differenti: per l’Italia sono coinvolti Anfass onlus, Sport senza frontiere, City of Jesi; fuori dai confini, invece, alcuni distretti ed enti della Turchia, del Belgio, della Bulgaria, della Grecia, della Croazia e della Spagna.

“Ci auspichiamo che il progetto vada a buon fine e ottenga il contributo europeo – ha aggiunto poi Cardinaletti –  In alternativa, resta sempre la possibilità di riproporlo il prossimo anno. Indubbia la validità e la capacità del Comune di Jesi di garantire le risorse umane per portarlo poi a compimento”.

 

 

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.