Sport e inclusione sociale, Jesi capofila del progetto europeo | | Password Magazine

Sport e inclusione sociale, Jesi capofila del progetto europeo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La città di Jesi ancora una volta fa da capofila per un progetto europeo che vede come partner molte città europee. È stato presentato ieri nella sala stampa del Palazzetto dello Sport “Ezio Triccoli” il progetto Erasmus + dal titolo “EU.GIF – European Games of Integrated Fencing”: cardini del progetto l’integrazione e l’apertura verso la disabilità, attraverso la scherma.

Presenti alla conferenza il sindaco di Jesi Massimo Bacci, l’assessore allo Sport Ugo Coltorti, il project manager di Eurocube Marco Cardinaletti, Tarcisio Pacetti del CIP (Comitato Italiano Paralimpico), Marco Porcarelli del CONI (comitato olimpico nazionale italiano) e Mario Sperandini di ANFFAS (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettive e/o Relazionale). In rappresentanza del Presidente della Federazione Italiana Scherma (FIS) Giorgio Scarso, e del mondo della scherma in genere, la campionessa Valentina Vezzali.

“Devo ringraziare Eurocube e in particolare Marco Cardinaletti – sostiene Ugo Coltorti – e tutta la struttura comunale che ha lavorato per far sì che lui ci permettesse di presentare questo progetto, e oggi di essere finanziato: è un progetto importantissimo per la città”.

È un lavoro che nasce circa due anni fa, sotto la supervisione di Marco Cardinaletti di Eurocube, ma con un lavoro di squadra alle spalle: sono infatti partner tecnici la FIS, l’ANFFAS, il CIP, il CONI e la UISP. Il progetto vuole essere un messaggio di inclusione sociale, ma anche una leva per portare ai massimi livelli eventi come la notte azzurra e i camp che si stanno facendo in questo periodo. La scherma sarà utilizzata come strumento per attivare percorsi di completa integrazione sociale, cercando di superare la disabilità e le differenze creando momenti di aggregazione attraverso la partecipazione simultanea alla pratica sportiva della scherma. Da qui l’idea di un torneo integrale di scherma, durante la settimana europea dello sport di settembre, che vedrà squadre miste, senza alcun tipo di distinzione: maschi, femmine, italiani, stranieri, abili e disabili, gareggeranno tutti insieme in squadre decise al momento, per far emergere ancora di più il valore dello sport.

È un progetto che durerà un anno, prenderà il via a settembre, per concludersi con la notte azzurra del 2018. Ricco di eventi culturali e sportivi, vedrà la presenza di 14 federazioni sportive di tutta Europa e 13 nazioni, tra convegni ed incontri su tematiche che riguardano lo sport, la disabilità, mental coaching, sport doping, ed eventi culturali mirati a valorizzare ciò che la città di Jesi ha da offrire. Il progetto ha un valore sociale di inclusione, e di aggregazione tra i vari stati europei, dando inoltre la possibilità a tante persone di girare la nostra città e di incrementare il turismo. A tal proposito, Daniele Crognaletti, presente anche lui alla conferenza, si è reso disponibile per il trasferimento degli atleti e gli accompagnatori per tour della città ed altri servizi e non da meno è stato l’ideatore del Museo Stupor Mundi, Gennaro Pieralisi, resosi anche lui disponibile per la parte culturale.

Dunque, si prevederà l’arrivo di circa 250 persone tra atleti e tecnici da parte di tutta Europa, all’insegna dello sport e dell’inclusione sociale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.