Astralmusic

Sport e salute mentale, il progetto “Mens” fa tappa a Jesi

Astralmusic

JESI – Il progetto europeo “Mens” si inserisce nel progetto “Malati di niente” 2018: campagna europea di sensibilizzazione per la connessione fra lo sport e la salute mentale.

Momento di confronto e ascolto quello che si è sviluppato nella conferenza stampa di questa mattina nelle sale di Villa Borgognoni presieduta da Gilberto Maiolatesi, coordinatore del Cento Sollievo, Ugo Coltorti, assessore per lo Sport, Francesca Cesaroni di Cooss Marche, il Dott. Mari Massimo del dipartimento di Salute mentale, il Dott. Paolo Ripanti, Maria Luisa Quaglieri, assessore per i servizi sociali e sanitari e Paola Angelini della Fondazione Franchetti.

Life is like a bike. To keep your balance, you have to keep moving: la vita è come una bicicletta. Per mantenere l’equilibrio, bisogna muoversi”. Questo è lo slogan scelto dal progetto “Mens”, finanziato dal Programma Europeo ERASMUS+, per la promozione dell’attività fisica e lo sport a beneficio della salute mentale.

“In una regione in cui soltanto il 2.5% del budget destinato al settore sanitario va a beneficio della salute mentale – commenta il Dott. Mari – questo progetto è davvero importante e fondamentale”.  Dodici paesi europei partecipanti, con 17 partners di cui 3 italiani (Cesie; Cooss Marche e Fondazione Hallgarten-Frnchetti Centro studi Vialla Montesca), il progetto ha l’obiettivo di creare una rete europea “ENALMH – European Network of Active Living for Mental Health”, capace di valorizzare il ruolo fondamentale che l’attività fisica e lo sport riveste nella prevenzione, nel trattamento e nella riabilitazione dei disturbi mentali: accrescere quindi la consapevolezza sulla necessità di un nuovo approccio che unisca sport e salute mentale, tramite il lancio di una campagna di sensibilizzazione a livello europeo.

La Città dello sport non poteva dunque mancare: grazie al contributo della Cooperativa Sociale COOSS Marche e del Centro Studi “Villa Montesca”, la campagna “Life is like a bike” fa tappa a Jesi nella giornata di venerdì. Presso lo “Scatolab” di Jesi alle 14,30 avrà luogo il “Torneo quadrangolare di calcetto Mens”, in cui si confronteranno quattro squadre marchigiane che hanno fatto del calcio uno strumento terapeutico di riabilitazione dal disagio mentale, nonché un mezzo di inclusione ed integrazione sociale: si alterneranno le squadre di Matelica, Jesi, Falconara, Ancona, Senigallia.

Le parole degli assessori presenti si rispecchiano molto in quello che è l’obiettivo del progetto e quindi del Torneo: «Lo sport è uno strumento importantissimo per il viver sano, per migliorare il proprio stato di salute psico-fisico», è il commento dell’assessore Coltorti. «Si tratta inoltre di “un’espressione dello stato d’animo in cui ci si trova – continua l’assessora Quaglieri – e molto importante anche l’inevitabile sviluppo della capacità di relazionarsi con l’altro, aspetto fondamentale del calcio, e strumento necessario per la cura del disagio mentale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*