Sposiamoci... ma anche no! Quando il matrimonio non è il lieto fine | Password Magazine
Festival Pergolesi

Sposiamoci… ma anche no! Quando il matrimonio non è il lieto fine

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Quale miglior momento per parlare di matrimonio, se non a conclusione della seconda edizione di  “Sposiamoci”, l’evento dedicato al matrimonio più grande e chic della Vallesina, svoltosi lo scorso week end a Pianello Vallesina.

Successo raddoppiato per l’agenzia di comunicazione Studio Gamma che, in collaborazione con Astralfashion e RVE, ha riproposto l’evento in due giornate, dopo la ben riuscita della prima edizione di marzo. 

Le sale della ottocentesca Villa Salvati, location dell’evento, si sono tinte di vita nuova, animate dagli espositori e dai numerosi momenti di spettacolo in cui si sono alternati sfilate, musica ed esibizioni di ballo, scanditi dalla brillante conduttrice Catiuscia Ceccarelli.

Due giornate che hanno fatto sognare le numerose coppie, accorse a degustare attimi di romanticismo, gli stessi che ritroveranno nel giorno del loro sì.

Eppure, se in questi giorni si è parlato di matrimonio come del lieto fine per una storia d’amore…per molte coppie non è andata proprio così!

Avete sentito mai parlare di mariti che abbandonano la moglie durante il viaggio di nozze o che, addirittura, se la dimenticano? E’ successo ad un neo-marito tedesco che  ha sbadatamente lasciato la sposa in stazione di servizio, ed ha percorso oltre 150 km prima di rendersi conto che la moglie non era con lui.

Un altro episodio simile è avvenuto tre anni fa a due coniugi dell’Arabia Saudita, di rientro da una fantastica settimana in Malesia. Il viaggio di nozze era fino a quel momento andato in modo eccezionale ma sono sempre le piccole cose a rovinare i rapporti. E così, quando la novella sposa si è recata in bagno in aeroporto, lo sposo ha deciso che lei ci stava mettendo troppo e ha preso una decisione drastica: imbarcarsi senza di lei.

C’è anche chi, dopo anni di matrimonio, pur non avendo mai abbandonato o dimenticato la moglie, tenta di “liberarsi” dai legami in modo… alternativo.

In Pennsylvania, una guardia carceraria è stata denunciata per condotta disordinata e per avere fatto fuoco all’ interno dei confini cittadini, dopo avere cercato di togliersi la fede nuziale con un colpo di pistola. Dopo aver litigato furiosamente con la moglie, l’uomo ha tentato rabbiosamente di togliersi la fede nuziale ma, non riuscendo nell’intento, ha impugnato la sua pistola e ha fatto fuoco sulla fede. Sebbene l’uomo si sia in questo modo “tolto” gran parte del dito, il suo tentativo è stato inutile dato che l’anello, per ironia della sorte, è rimasto al suo posto.

C’è anche chi arriva al matrimonio “ritoccato”, senza dirlo al coniuge. In Cina, una donna dovrà risarcire il marito di circa 120.000 dollari per non aver confessato prima del matrimonio di essere “brutta” e di essere ricorsa ad un importante intervento di chirurgia estetica.

Quando è nata la loro prima figlia, il marito l’ha trovata “incredibilmente brutta”, al punto da voler ricorrere all’esame del DNA. A quel punto la donna ha confessato l’arcano e lui l’ha trascinata in tribunale, ottenendo il divorzio e un risarcimento quasi pari alla cifra che ha speso in estetica.

Casi limite che fanno comunque riflettere: il matrimonio è un passo importante. Il nostro consiglio? Fatelo con la persona giusta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.