Spostamento fontana, PD e Jesi in Comune: «Non siamo disposti a mollare» | Password Magazine
Lulù  

Spostamento fontana, PD e Jesi in Comune: «Non siamo disposti a mollare»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
fontana leoni

JESI –  «Il Consiglio comunale ha dato il suo assenso ad un percorso confezionato da tempo dalla maggioranza e finalizzato a confermare una decisione già presa, sin dal primo momento». Così tuona il PD Jesi dopo l’accettazione avvenuta del lascito Morosetti da parte della maggioranza nel Consiglio di lunedì e la bocciatura della proposta di referendum, presentata insieme a Jesi in Comune: «Tutto come previsto, purtroppo. – fa sapere il segretario PD Jesi Stefano Bornigia – . Una maggioranza sorda non tanto e non solo verso le istanze avanzate dalla minoranza consiliare quanto semmai alla richiesta di consultazione che è emersa, in modo molto chiaro, dalla città. Che andava indiscutibilmente ascoltata. Soprattutto in una occasione come questa, nella quale il desiderio posto a condizione del lascito testamentario – lo spostamento della fontana delle leonesse – non era mai stato né parte del programma di mandato, né parte del programma dei lavori pubblici dell’attuale amministrazione.

PD JESI: «Due milioni di euro possono essere importanti per le casse di un ente, lo sappiamo. Ma  il consenso  dei cittadini, la loro espressione libera e democratica su una decisione che incide nei loro tratti urbani identitari, lo è e lo deve essere necessariamente di più».

E aggiunge: «Questa amministrazione avrebbe potuto procedere sin da subito, da luglio, ad accertarsi, anche con forme diverse e più snelle del referendum, che la città avesse a cuore di accogliere la proposta di Cassio
Morosetti. Ci sarebbe stato tutto il tempo per farlo. Ha invece ritenuto più opportuno allestire un carro
informativo e dei convegni “esplicativi”.

E infine: «Alla luce di tutto ci sentiamo però in dovere di dire alla città che non siamo disposti a mollare. Continueremo, con ogni mezzo democratico a disposizione, a tentare di dare voce all’espressione libera e consapevole dei nostri concittadini. Continueremo a farlo con chiunque abbia voglia, tempo e  modo di contribuire al recupero a quel piccolo ma ineludibile spazio di democrazia diretta, ieri purtroppo andato perso»

Da Jesi in Comune: «Un’altra brutta pagina per la politica jesina. Non solo perché si è deciso di spostare la fontana, e perché non è stata accettata la proposta di referendum, ma anche perché è passato il messaggio che la volontà di un privato cittadino, per sua fortuna ricco, decide per tutti rispetto al futuro della nostra città».

«Agli atti della pratica sull’accettazione del lascito mancavano anche i necessari approfondimenti tecnico giuridici non certo risolti dal parere della soprintendenza spuntato fuori all’ultimo dal cilindro fa sapere il gruppo all’opposizione –  e nemmeno dall’approfondimento giuridico- giurisprudenziale letto “in diretta”  dopo 10 ore di consiglio comunale, senza la possibilità di visionarlo, studiarlo ed approfondirlo. Ma allora viene davvero da chiedersi: Perché? Il tutto senza sentire l’esigenza, nel modificare profondamente i luoghi identitari di incontro e confronto della città, di interpellare i cittadini e le cittadine. E questa è la cosa peggiore».

Sul referendum respinto «si è detto che è tardi – fa sapere Jesi in Comune – ma  il sindaco e la sua maggioranza non hanno minimamente accolto nemmeno la possibilità di utilizzare forme alternative di consultazione della popolazione, magari più celeri e snelle, prima di decidere.

E si sono pure “dimenticati” di inserire nel sacco la riprogettazione e il rifacimento di piazza Federico II. In effetti sul punto alcune spese sono previste, ma sono chiaramente quelle necessarie a rattoppare la pavimentazione, senza nemmeno tentare di ripensare l’assetto complessivo della piazza. Chi vivrà vedrà»..
«Il vero obiettivo dell’amministrazione è quello di ritagliare dei fondi cash, immediatamente disponibili e spendibili (anche dal punto di vista propagandistico), per attuare nel tempo rimasto da qui alle prossime elezioni una parte di quei progetti che erano nel programma di mandato e che sono rimasti al palo».
«Da parte nostra valuteremo come poter consentire a cittadini e cittadine di poter comunque democraticamente esprimere la loro opinione sulla questione». Infine: «Stiamo ricevendo molte sollecitazioni ad andare avanti su questo tema. Ci prendiamo un po’ di giorni per continuare a raccoglierle e per capire quale sia il percorso più adeguato da intraprendere. Di certo non vogliamo arrenderci all’esito del Consiglio».
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.