SS76, l'assessore Napolitano: «Velocizzare tempi o rischio polveri sottili». | Password Magazine
Festival Pergolesi

SS76, l’assessore Napolitano: «Velocizzare tempi o rischio polveri sottili».

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Comune di Jesi impegnato per la costruzione in tempi brevi della bretella alla superstrada, all’altezza dello svincolo Jesi Est che dovrà permettere il ripristino del transito lungo la SS76. Un intervento che, a detta dei tecnici Anas, si concluderà nell’arco di due settimane.
«Dopo il danneggiamento del sottopasso allo svincolo della SS76, siamo in contatto con la società delle infrastrutture per creare la nuova rampa di accesso che consentirà di uscire a Jesi Est e rientrare – ha detto l’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano -. Stiamo inoltre contattando l’Arpam per posizionare un laboratorio mobile per il monitoraggio delle polveri».

superstrada2

Il rischio dell’inquinamento atmosferico non è di poco conto, sopratutto se i tempi di realizzazione della nuova rampa dovessero protrarsi oltre le due settimane. La bretella, a detta dei responsabili dell’Anas, sarà posizionata all’ingresso di via Zanibelli.

Per l’Assessore Napolitano si potrebbe insistere nel frattempo sulla ricerca di una viabilità alternativa, come la strada che attraversa la zona di Mazzangrugno anche se le numerose curve costituirebbero un limite. Dunque l’odissea che sta vivendo l’Asse sud da sabato scorso proseguirà purtroppo per altri giorni, non essendoci materialmente altre vie dove dirottare il traffico della superstrada con direzione Roma-Ancona.  «Abbiamo già scritto al Prefetto, sollecitando un intervento tempestivo in quanto dirottare nel centro urbano tutti i mezzi della SS76 è intollerabile – ha detto – anche l’ANAS, la società che si occupa delle infrastrutture, è stata esortata a velocizzare i tempi».

In mancanza del collegamento, ci si chiede come potranno muoversi tir, ma anche mezzi in situazioni di emergenza. Ultima ma non meno importante, l’isolamento dell’Oasi di Ripa Bianca, alla quale si può accedere al momento passando per via Barchetta.

A cura di Giovanna Borrelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.