Staffolo, ripristinato il servizio mensa per i bimbi della scuola d'infanzia danneggiata dal sisma | | Password Magazine

Staffolo, ripristinato il servizio mensa per i bimbi della scuola d’infanzia danneggiata dal sisma

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

 

STAFFOLO –  È stato ripristinato lunedì il servizio mensa per gli alunni della scuola dell‘Infanzia Leo Lionni di Staffolo, sospeso dopo la grande scossa del 30 ottobre che ha lesionato la chiesa di Santa Teresa (nella foto in alto) cui è addossato l’edificio e costretto allo sgombero i suoi piccoli ospiti.

Da allora, per ragioni di sicurezza, i 40 bimbi dell’Infanzia sono stati trasferiti presso il plesso scolastico Manuzio/Menghi – adeguato sismicamente con fondi europei negli anni scorsi – anche se il servizio mensa restava sospeso.
Ora però una soluzione è stata individuata e messa in atto grazie all’intervento dell’Amministrazione comunale.

“Una piccola notizia che per la comunità riveste la grande importanza del ritorno alla normalità – è il commento del sindaco Patrizia Rosini – Ora i pasti sono preparati e sigillati in porzioni nella cucina della Casa di Riposo, poi trasportati in un’aula trasformata in refettorio ove i piccoli possono mangiare, recuperando quindi le attività pomeridiane. Certo, tutti gli ordini ospitati nella struttura hanno rinunciato a qualcosa, ma l’anno scolastico ha ripreso il suo corso”.

Un piccolo passo, dunque, ma sentito e di grande valore per la popolazione di Staffolo, territorio che porta ancora i segni del sisma: “Intanto stiamo lavorando affinché gli organi competenti ci consentano di rimettere in sicurezza la chiesa che è di proprietà comunale – prosegue il sindaco – Tale chiesa è strategica per due motivi: la contiguità con la scuola dell’infanzia (e delle sedi di due associazioni, il gruppo Folk e la banda musicale) e la viabilità. Infatti, il suo muro “spanciato” ci ha costretto a chiudere la strada d’accesso (e a trovarne una alternativa, ma più scomoda) alla Casa di Riposo, al Centro per disabili “Il Girasole” e all’Ufficio postale. Davvero spero che chi di competenza ci aiuti a non far passare troppo tempo per la messa in sicurezza. Noi ce la stiamo mettendo tutta, anche se occorre aspettare i tempi tecnici e le autorizzazioni specifiche”.

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.