Staffolo, Tari insostenibile: ristoranti a rischio chiusura | Password Magazine
Festival Pergolesi

Staffolo, Tari insostenibile: ristoranti a rischio chiusura

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

STAFFOLO – A Staffolo ristoranti a rischio chiusura per il peso, oramai insostenibile, della tassazione nella quale la Tari, la tassa dei rifiuti, sembra essere la ciliegina sulla torta in negativo. Le cartelle che sono state recapitate ai tre ristoranti di Staffolo, che sono vanto del territorio e riferimenti riconosciuti nel settore, per il pagamento dell’imposta sulla spazzatura sono molto pesanti e mettono a rischio i bilanci delle attività. La Delegazione di Jesi Confcommercio per le Imprese Marche Centrali ha rilevato l’entità di tali cartelle e ha compiuto anche un’analisi comparativa con alcuni comuni della provincia di Ancona dalla quale emerge che il Comune di Staffolo applica ai ristoranti una delle tariffe più alte (la quota è 17,14 euro per mq). Non può essere sufficiente, come dice il sindaco di Staffolo Rosini, l’abbassamento di tre punti dell’utenza non domestica a discapito di quella domestica perché il vero salasso per le imprese è nella somma tra la quota fissa e la quota variabile (rispetto al 2013 la quota totale è infatti più alta essendo passati da 16,56 euro per metro quadrato ai 17,14 testè citati).

Staffolo, come detto, ha una quota totale elevatissima superiore a quella, ad esempio, del Comune di Senigallia (la quota è di 16,5 euro per mq) mentre il Comune di Ancona applica una quota pari a 14,7 euro per mq. Incredibile poi la comparazione tra il Comune di Staffolo e il Comune di Cingoli, municipio limitrofo, nel quale si applica una tariffa che è lontana di ben 11 punti rispetto a Staffolo (la quota è di 6,22 euro per mq). E’ evidente che con questi parametri i ristoranti si trovano a dover pagare cifre esorbitanti sulla spazzatura ed è necessario un intervento da parte dall’amministrazione locale per calmierare tali cartelle. Nel 2013 la precedente sindacatura di Staffolo aveva messo a bilancio dei fondi che furono ripartiti tra le imprese della ristorazione grazie ai quali si abbassò la tassazione di queste imprese che partivano da una quota più bassa, rispetto a quest’anno, cui si aggiunse uno sconto ulteriore quantificabile in un 19%, sconto che ha permesso una drastica riduzione della cifra da sborsare.

Confcommercio chiede dunque al Comune di Staffolo, al quale è già arrivata una lettera firmata  Confcommercio ad inizio ottobre cui non è seguita ancora alcuna risposta scritta, che sia individuato un meccanismo analogo, o un meccanismo altro, che preveda un abbassamento dei costi del tributo sulla mondezza per le attività della ristorazione.

L’anno scorso erano stati fissati dei paletti a questo meccanismo ma quest’anno non ci sono vincoli pertanto il ricorso allo strumento di compensazione è ancora più applicabile oggi dato che non vi sono soglie di sbarramento come l’anno passato. Ormai siamo a chiusura dell’anno per cui l’amministrazione di Staffolo, come le altre, è in grado di valutare i costi capendo se gli incassi necessari sono quelli programmati o se c’è un margine, come immaginiamo, per calmierare una tassazione così elevata.

Al danno inoltre si aggiunge la possibile beffa per i ristoratori di Staffolo che nel 2015 potrebbero avere un’imposta sui rifiuti ancora più alta dato che con la chiusura di un ristorante del territorio, la cifra complessiva dovrebbe essere spalmata su tre attività anzichè quattro.

Alla luce di tutto questo è indispensabile un intervento per affrontare una questione che se non valutata oggi potrebbe portare a problemi per il proseguimento delle gestioni e per il mantenimento dell’attuale occupazione nelle attività di Staffolo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.