Stagione Lirica, il via con il “Don Giovanni" del regista Graham Vick

JESI – Si apre sabato 4 ottobre alle ore 20,30 e domenica 5 ottobre alle ore 16,30 la 47^ Stagione Lirica di Tradizione del Teatro Pergolesi di Jesi con un nuovo allestimento dell’opera “Don Giovanni” di Mozart.

Il direttore è il venezuelano José Luis Gomez Rios, un talento emerso dal celebre Sistema Abreu, il modello didattico musicale, ideato e promosso in Venezuela da José Antonio Abreu, che consiste in un sistema di educazione musicale pubblica, diffusa e capillare, con accesso gratuito e libero per bambini e fanciulli di tutti i ceti sociali. Primo violino all’età di 11 anni della Youth Orchestra of Zulia State (parte del Sistema de Orquestas Juveniles de Venezuela), è stato catapultato all’attenzione internazionale quando ha vinto nel settembre 2010 il primo premio del V Concorso internazione di direzione ‘Sir Georg Solti’ di Francoforte. Future collaborazioni lo vedranno debuttare alla Radio di Stoccarda, la Staatskapelle Weimar e le orchestre sinfoniche dell’Alabama e Winnipeg, oltre a ritornare in Giappone, a Taiwan, Francoforte e Stoccarda.

La regia è curata da Graham Vick, direttore artistico della Birmingham Opera Company, autore di celebri allestimenti nei più importanti teatri lirici del mondo, tra cui Teatro alla Scala di Milano, il Metropolitan Opera di New York, Royal Opera House, il Covent Garden di Londra, teatri di Monaco, dove ha collaborato con le insigni bacchette (Riccardo Muti, James Levine, Bernard Haitink, Valerij Gergiev, Seiji Ozawa, Zubin Mehta). Pluripremiato artista, sei volte in Italia insignito del Premio Abbiati, è un regista che suscita interesse e ammirazione, e anche polemiche come quando scosse il pubblico del Rossini Opera Festival nel 2011 con un Mosè in Egitto che avvicinava l’eroe biblico a Bin Laden e nel 2013 lo travolse con un Guglielmo Tell che paragonava le leggende medioevali sull’indipendenza svizzera ai primi movimenti socialisti. Con il “Don Giovanni” di Mozart, per la prima volta l’artista inglese ha scelto di lavorare in un circuito di teatri di tradizione: con la Fondazione Pergolesi Spontini, coproducono il nuovo allestimento il Teatro Sociale di Como, Teatro Grande di Brescia, Teatro Ponchielli di Cremona, Teatro Fraschini di Pavia, ed inoltre Teatro dell’Aquila di Fermo, Fondazione Teatro Comunale di Bolzano e Fondazione I Teatri di Reggio Emilia. Dopo questo “Don Giovanni”, Vick sarà tra l’altro a New York per la “Lady Macbeth del Distretto di Mcensk”, Lisbona per “Werther” e nel  2016 tornerà alla Scala di Milano con “La fanciulla del West”.

Gli interpreti del “Don Giovanni” sono stati scelti volutamente tra i giovani e già affermati cantanti tra cui il baritono albanese Gezim Mysketa (Don Giovanni) ed il marchigiano Andrea Concetti (Leporello), e tra i vincitori del 65° Concorso AsLiCo per Giovani Cantanti Lirici d’Europa, quali Giovanni Sebastiano Sala (Don Ottavio), Mariano Buccino (Commendatore), Federica Lombardi (Donna Elvira), Valentina Mastrangelo (Donna Anna), Riccardo Fassi (Masetto); Alessia Nadin è Zerlina. Nel secondo cast, in scena il 5 ottobre, voci di spessore con il giovane baritono greco Dionisos Sourbis (Don Giovanni), Mariateresa Leva (Donna Elvira), Matteo Mezzaro (Don Ottavio), Cristian Saitta (Commendatore), Ekaterina Gaidanskaja (Donna Anna), Leonardo Galeazzi (Leporello), Davide Giangregorio (Masetto), e la vincitrice del Concorso AsLiCo 2014 Alessandra Contaldo (Zerlina).

Biglietti da 15 a 66 euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*