Stagione Lirica Teatro Pergolesi, un viaggio tra prime assolute e grandi classici | Password Magazine
Festival Pergolesi

Stagione Lirica Teatro Pergolesi, un viaggio tra prime assolute e grandi classici

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI Presentato oggi il programma della 53esima edizione della Stagione Lirica di tradizione del Teatro G.B Pergolesi.

Dal 15 Ottobre al 27 Dicembre 2020, il manifesto di questa nuova stagione teatrale si presenta come un viaggio attraverso le epoche del ‘700, ‘900, fino ai giorni nostri, tra i generi e linguaggi espressivi della musica. Una stagione coraggiosa e sorprendente, come dichiarato dall’Ufficio Stampa della Fondazione Pergolesi Spontini.

«Mi sento di definire la Fondazione Pergolesi Spontini come un punto fermo: mai come questo momento ne abbiamo bisogno. Per il panorama culturale, non solo regionale, per il suo modo di agire, il nostro teatro si presenta come uno dei luoghi più sicuri per la cultura e l’intrattenimento. Nei mesi tutti si sono attivati per garantire la prosecuzione e lo sviluppo dello spettacolo dal vivo. Continua ad essere un punto di riferimento per il territorio» ha dichiarato l’Assessore alla Cultura di Jesi, Luca Butini, e ha poi con l’occasione presentato un nuovo membro del Consiglio Amministrativo, la Dott.ssa Rosita Gabbianelli, proveniente dal mondo accademico.

Un cartellone sicuramente variegato, ma ripensato, come ha raccontato Lucia Chiatti, Amministratore Delegato della Fondazione Pergolesi Spontini: «Questa stagione si presenta molto variegata, ma rispetto al mese di Gennaio è stata riprogettata. Gli spettacoli sono ora stati riadattati alle misure anti- Covid, e di questa esigenza, ne abbiamo fatto una virtù. Abbiamo così rispolverato titoli desueti, covid-compatibili, e ne è uscita fuori una proposta con cinque appuntamenti e due prime assolute, senza creare forzature al prodotto artistico.

Rosita Gabbianelli

Invito tutti a scommettere sulla cultura, e ad oggi sappiamo che insieme è possibile realizzare proposte di valore: grazie anche ai mecenati che credono in noi, e a quelli che decideranno di sostenere la Fondazione».

Il Direttore Artistico, Cristian Carrara, è poi entrato nel vivo del cartellone degli eventi previsti, in un viaggio musicale inedito: «Gli spettacoli sono realizzati- ha voluto sottolineare- per come gli stessi compositori li hanno partoriti. I titoli sono stati pensati seguendo un fil rouge comune, risparmiando anche sulla metodologia di progettazione. In tempi brevi siamo qindi riusciti a rispondere in maniera creativa alle criticità del periodo».

Si parte quindi sabato 17 Ottobre con la prima assoluta di “Suite Italienne”, una coreografia interpretata da Sacha Riva e Simone Ripele, sulle musiche di Igor Stravinskij, un vero omaggio all’interpretazione nel ‘900 della musica di Giovan Battista Pergolesi.Cristian Carrara

La seconda produzione, anch’essa prodotta interamente a Jesi e prevista per la seconda parte della serata del 17 Ottobre, è l’esecuzione dei tre intermezzi in musica “Lesbina e Milo”, di Giuseppe Vignola: un’opera che ha origine dalla scuola napoletana dove, all’interno di opere drammatiche, veniva inserite queste scene comiche e sfarzesche.

Le sceneggiature sono a cura di Benito Leonori.

Il 7 Novembre andrà invece in scena “Notte per me Luminosa”, un omaggio a Ludovico Ariosto con la regia dello jesino Matteo Mazzoni.

Sarà poi il turno di Circopera, il 27 Novembre: uno spettacolo che unisce opera lirica e arte circense, coprodotto con una nuova chiave narrativa insieme al Teatro Coccia di Novara e Teatro Sociale di Rovigo.

Sabato 19 e Domenica 20 Dicembre sarà la volta delle opere buffe, che trattano entrambe dell’amore in chiave comica: “Il Telefono”, e “La Serva Padrona”, con la regia di Jacopo Fo.

Verrà presto svelato inoltre l’esito del progetto fotografico “Io sono l’opera” di Francesca Tilio in collaborazione con Premiata Fonderia Creativa, che sancirà quali saranno i volti jesini prestati ai personaggi delle varie opere, utilizzati nei manifesti pubblicitari.

Per informazioni consultare il sito: www.fondazionepergolesispontini.com .

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.