Stalker latitante, da Jesi parte un pedinamento oltre frontiera: preso a Lubiana

ANCONA –  Sabato 16 febbraio era stato arrestato in Slovenia dai poliziotti della Squadra Mobile di Ancona insieme ai colleghi della gendarmeria slovena e dall’Interpol. Si tratta del 58enne M.B., destinatario di un mandato di cattura europeo emesso dal Tribunale di Ancona perché latitante in seguito ad una serie di reati per atti persecutori (stalking) e maltrattamenti in famiglia posto in essere dall’uomo nei confronti della sua compagna e della figlia di questa nel periodo di convivenza.

Il 26 ottobre scorso, a seguito di un’articolata attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica di Ancona e in particolar modo dal dott. Paolo Gubbinelli, l’indagato M.B. era stato destinatario di un’Ordinanza di Custodia Cautelare da eseguire in carcere. Tuttavia, consapevole dell’imminenza del provvedimento a suo carico, si era reso latitante facendo perdere le sue tracce.

I poliziotti della Squadra Mobile di Ancona, coordinati dalla Procura dorica, hanno dovuto fare ricorso a indagini di tipo “tecnico” per localizzare il latitante, scoprendo che si era trasferito a Lubiana in Slovenia dove viveva con la sua ultima compagna.

Approfittando del fatto che la donna il 16 febbraio sarebbe partita da Jesi per ritornare a Lubiana, dopo aver trascorso qualche giorno in Italia, gli agenti della Squadra Mobile, di concerto con l’Interpol, hanno attivato un pedinamento transfrontaliero raggiungendo M.B. a Lubiana dove veniva arrestato sotto la nuova dimora.

La Slovenia ha concesso l’estradizione dell’arrestato a seguito di richiesta avanzata dall’Italia e ieri, alle ore 10.30, i poliziotti della Squadra Mobile di Ancona hanno preso in consegna M.B. al valico di frontiera di Fernetti (Trieste) dove i poliziotti sloveni hanno condotto l’arrestato a bordo di un Van nero.

Dopo avergli notificato il provvedimento della custodia cautelare da espiare in carcere emesso dal GIP di Ancona , la Dott.ssa Antonella Marrone, il 26.10.18 e rimasto in sospeso a causa della latitanza, M.B. è stato tradotto presso la Casa Circondariale “Ernesto Mari” di Trieste a disposizione dell’Autorità Giudiziaria italiana.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*